Papa Francesco: “La domenica giorno di pace con la vita”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:10

Il Papa ha parlato oggi all'Udienza Generale in piazza San Pietro spiegando nella sua catechesi il significato del terzo comandamento del Decalogo, quello sul giorno di riposo che impone di santificare le feste. “Sembra un comando facile da compiere – ha detto il Papa – ma è un’impressione errata. Riposarsi davvero non è semplice, perché c’è riposo falso e riposo vero. Come riconoscerli?”.

No all'esistenza anestetizzata

Papa Francesco ha indicato i limiti di quella che ha chiamato in passato “la cultura del benessere” e che portano spesso a non rispettare questo comandamento: “Il concetto di vita oggi dominante – ha detto Bergoglio – non ha il baricentro nell’attività e nell’impegno ma nell’evasione. Guadagnare per divertirsi, appagarsi. L’immagine-modello è quella di una persona di successo che può permettersi ampi e diversi spazi di piacere. Ma questa mentalità fa scivolare verso l’insoddisfazione di un’esistenza anestetizzata dal divertimento che non è riposo, ma alienazione e fuga dalla realtà.” Per il Santo Padre, “l’uomo non si è mai riposato tanto come oggi, eppure l’uomo non ha mai sperimentato tanto vuoto come oggi!”.

Il giorno del riposo

Cos'è il giorno del riposo? Per Papa Francesco “è il momento della contemplazione, della lode. È il tempo per guardare la realtà e dire; com’è bella la vita! Al riposo come fuga dalla realtà, il Decalogo oppone il riposo come benedizione della realtà. Per noi cristiani, il centro del giorno del Signore, la domenica, è l’Eucaristia, che significa “rendimento di grazie”. Il Papa ha voluto dedicare un pensiero ai bambini ed ai ragazzi che stanno iniziando la scuola in questo periodo dell'anno: “Sia – ha detto il Santo Padre – questo il tempo per acquisire sapienza. Non dimenticate di pregare ogni giorno e di andare a messa la domenica”.

La domenica

Il buon cristiano deve applicare il terzo comandamento del Decalogo e non può dimenticarsi di santificare le feste. Spiega Papa Francesco sulla domenica: “È il giorno per dire a Dio; grazie Signore, grazie della vita, della tua misericordia, di tutti i tuoi doni”. Per il Santo Padre, “la domenica non è il giorno per cancellare gli altri giorni ma per ricordarli, benedirli e fare pace con la vita. Fare pace la vita; quanta gente ha la possibilità di divertirsi e non vive in pace con la vita. La domenica è il giorno per fare pace con la vita dicendo; la vita è preziosa, non è facile, a volte è dolorosa, ma è preziosa”. Papa Francesco ha concluso l'Udienza dicendo: “Sabato prossimo ricorre la festa della Natività della Vergine Maria, ricorrenza che coincide col termine dell'estate e dei raccolti e che ci ricorda che Dio è fedele alle sue promesse”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.