Chiesa Cattolica

“La pace non nasce, si fa”. Marcia Perugia-Assisi contro la guerra

“La pace, come la libertà, è una conquista”, affermano gli organizzatori della marcia Perugia-Assisi. “Non si riceve come una medaglia, ma si impara come una disciplina- proseguono-. La pace non è un sogno, ma un compito arduo che non si intraprende perché è facile, ma perché è necessario. La cessazione delle ostilità non è il prodotto spontaneo di certe anime illuminate. Ma il lavoro laborioso di esseri imperfetti che lottano ogni giorno per imparare l’arte del dialogo, della persuasione e del rispetto. La pace non si ottiene né con le armi né con la guerra, né con la morte né con l’odio, né con l’oblio né con l’indifferenza. La pace si ottiene mettendo l’essere umano al centro delle nostre preoccupazioni. La pace si ottiene difendendo la vita. La pace si ottiene investendo nei nostri popoli e non nei nostri eserciti. Scambiando idee e non armi. Preservando le foreste e non i pregiudizi. Si ottiene trasformando nelle nostre società la cultura della guerra in una cultura della pace”.

Strategia di pace

In nessun caso si può giustificare le atrocità commesse dall’esercito russo, né sostenere un’illusoria politica di acquiescenza nei confronti del regime dispotico di Vladimir Putin. Ma ci opponiamo all’idea che l’unica strada da percorrere sia quella di continuare a inviare artiglieria e munizioni, fino a quando rimarrà l’ultimo ucraino in grado di spararle. La costruzione della pace è forse il più ostacolato, il più sovvertito, il più minacciato di tutti i compiti che gli esseri umani hanno intrapreso fin dalle loro origini. La strada per la pace può essere lunga, tortuosa, incerta, ma è l’unica strada possibile per allontanarsi dall’orlo del precipizio. Dipende dalla nostra responsabilità, dalla nostra umiltà e dal nostro coraggio. Non perdiamo la nostra occasione sulla Terra- evidenziano gli organizzatori dell’iniziativa solidale-. Non sprechiamo il prodigio di questa vita che ci ha portato angoscia e dolore, ma che ci ha anche permesso di vivere la felicità. La speranza della pace, che ancora esiste, ci dia il coraggio di prendere il testimone dalle generazioni passate e di lanciare l’umanità nelle vaste terre del futuro. Facciamo nostre queste parole del Premio Nobel della pace Oscar Arias e inviamo a tutte e tutti, credenti e non credenti, i nostri migliori auguri. Noi, che non ci siamo mai arresi e che non intendiamo abbandonare la lotta per la pace, chiediamo a Dio la fede, per continuare a credere nell’insondabile pozzo dell’animo umano. La persuasione, per convincere coloro che erroneamente credono che tutti i conflitti debbano essere risolti con le armi. E la forza, per non arrendersi, per non perdersi d’animo, per non ammainare mai le vele nel lungo viaggio che ci permetterà di costruire un mondo all’altezza dei nostri sogni“.

 

 

Giacomo Galeazzi

Recent Posts

Sant’Apollinare: cosa significa il suo nome

Sant'Apollinare, vescovo e martire, patrono di Ravenna e dell'Emilia Romagna. E' originario di Antiochia. La…

20 Luglio 2024

Cure gratuite per i poveri in Uganda. Missione-Kasese

In missione in Uganda dalla parte degli ultimi. A causa della povertà e della conseguente…

20 Luglio 2024

Alzheimer: corsa contro il tempo per i nuovi farmaci

Alzheimer: corsa contro il tempo per individuare protocolli che consentano terapie, cure e prevenzione. La…

20 Luglio 2024

Quali sono le priorità del mandato di von der Leyen

Ursula von der Leyen è stata rieletta per un secondo mandato alla guida della Commissione…

20 Luglio 2024

Fra Emiliano: “Fermiamoci per valorizzare i nostri pensieri”

Ad Avezzano (Aq), a poco più di un'ora da Roma esiste un santuario dedicato alla…

20 Luglio 2024

Solitudine, uno dei problemi più diffusi nella terza età

La solitudine, nella Terza e Quarta età, è una delle problematiche più diffuse del nostro…

20 Luglio 2024