Nell’ultimo mese il Covid ha ucciso 43 sacerdoti. La Chiesa piange i “pastori preti” di papa Francesco

Tante le vittime in talare del Covid. Il Papa prega affinché "l'esempio di questi pastori preti e aiuti a prendere cura del sano popolo fedele di Dio"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Iraq
Papa Francesco durante l'udienza di oggi con la mascherina

Prendersi cura del gregge in pandemia. L’esempio dei pastori morti di Covid. Modelli di pastorale dell’emergenza secondo il mandato di papa Francesco. In un solo mese il Covid ha ucciso 43 sacerdoti. L’aggiornamento dei tristi lutti delle diocesi d’Italia arriva dal quotidiano della Cei. “Avvenire” annota come nella seconda ondata di coronavirus il bilancio dei morti, anche tra i preti della Chiesa italiana, sia davvero pesante. L’ultimo lutto nel clero a Genova. Il Covid ha ucciso monsignor Paolo Rigon, 82 anni, preside del capitolo della Cattedrale e vicario giudiziale del Tribunale ecclesiastico ligure. Da febbraio i sacerdoti morti per Covid sono stati 167.

Covid
Foto © Vatican Media

Modelli nella pandemia di Covid

In una delle sue celebrazioni del mattino alla Casa Santa Marta Papa Francesco ha pregato per i “tanti sacerdoti e medici che hanno perso la vita per prendersi cura delle persone” nell’emergenza sanitaria scatenata dal Covid. Il Pontefice ha ricordato i “tanti pastori che nel mondo danno la vita per i fedeli. Tanti anche qui in Italia sono venuti a mancare in questa pandemia. E penso ad altri pastori che curano il bene della gente: i medici. Si parla dei medici, di quello che fanno, ma dobbiamo prenderci cura del fatto che in Italia e nel resto del mondo molti medici sono venuti a mancare in atto di servizio. Che l’esempio di questi pastori preti e di questi pastori medici ci aiuti a prendere cura del sano popolo fedele di Dio”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.