Chiesa Cattolica

Monteduro: “Suor Nabila descrive ad ACS la terribile condizione dei cristiani a Gaza”

“La condizione nella quale vivono i cristiani di Gaza è terribile. La descrive efficacemente ad ACS suor Nabila, religiosa del Santo Rosario rifugiata nella parrocchia della Sacra Famiglia a Gaza con altri 700 cristiani, nel colloquio telefonico di ieri con Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS)”. Così a Interris.it Alessandro Monteduro, Direttore della fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS Italia) sulla situazione a Gaza dove si trovano circa mille cattolici a maggioranza ortodossa. I cristiani palestinesi rappresentano circa l’1% della popolazione totale, ma prima del 7 ottobre attraverso scuole, ospedali e assistenza sociale servivano quasi il 40% dei palestinesi.

“Dopo il bombardamento di giovedì 19 ottobre che ha provocato il crollo totale di un edificio nel complesso della chiesa greco-ortodossa di san Porfirio [l’edificio sacro è salvo, ndr] e la morte di 18 persone – molti di coloro che si rifugiavano lì sono poi stati trasferiti nel complesso parrocchiale cattolico della Sacra Famiglia, l’unica parrocchia cattolica latina nella Striscia di Gaza ubicata a poche centinaia di metri di distanza”.

“Qui gli accolti sono saliti da 500 a 700, di cui 50 con disabilità, tra tantissime difficoltà – specifica Monteduro -. C’è carenza di cibo e medicine, non c’è il carburante, l’elettricità né l’acqua corrente. Ad aver trovato riparo lì sono i più poveri: molti sono anziani, malati, o disabili. Suor Nabila ha descritto ad ACS la drammaticità della situazione in modo chiarissimo, esprimendo preoccupazione soprattutto per i più fragili e per la sorte dei cento bambini che ospita. Le sue parole riflettono inoltre i sentimenti della comunità locale, che auspica un cessate il fuoco umanitario, l’immediata fine delle violenze e la pace”. Riportiamo integralmente il comunicato di ACS con la testimonianza di suon Nabila.

La testimonianza di suor Nabila ad ACS

Suor Nabila, una religiosa del Santo Rosario, rifugiata nella parrocchia della Sacra Famiglia a Gaza con altri 700 cristiani, in un colloquio telefonico con Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) racconta la condizione nella quale vivono i Cristiani.

Suor Nabila ha anzitutto espresso profonda preoccupazione per i circa 100 bambini traumatizzati ospitati nel complesso parrocchiale. «Vogliamo solo pace. Abbiamo avuto sei guerre a Gaza. I bambini conoscono solo la guerra». Nonostante le circostanze terribili, suor Nabila cerca di reagire, convinta che «restare occupati e aiutare gli altri sia il modo migliore per affrontare la devastazione».

La parrocchia della Sacra Famiglia ha fornito aiuto e rifugio ai cristiani feriti e sfollati, la maggior parte dei quali ha perso la casa. Insieme ad altre sei religiose e a un sacerdote cattolico, suor Nabila ha lavorato instancabilmente per sostenere la comunità nonostante la situazione umanitaria a Gaza sia drammatica. La comunità della parrocchia della Sacra Famiglia attualmente non dispone di elettricità né di acqua corrente. Hanno fatto ricorso all’acqua del pozzo per bere – anche se temono che possa seccarsi da un momento all’altro – e l’acqua minerale che acquistano costa tre volte il prezzo ordinario.

L’apertura del confine con l’Egitto ha portato un barlume di speranza per gli aiuti, ma suor Nabila e la comunità cristiana sono incerte circa la possibilità che gli aiuti tanto necessari raggiungano la regione settentrionale. Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, le recenti consegne di aiuti, consistenti in circa 20 camion al giorno, sono considerate solo una goccia nell’oceano. Ciò è lungi dall’essere sufficiente, poiché il Ministero necessiterebbe urgentemente di 500 camion al giorno per far fronte al significativo esaurimento delle forniture mediche essenziali.

Le suore e il resto del personale stanno facendo tutto ciò che è in loro potere per garantire che ogni individuo riceva ciò di cui ha urgentemente bisogno, ma le risorse sono limitate e la situazione sta peggiorando di giorno in giorno, soprattutto dopo che altri rifugiati si sono trasferiti nella parrocchia a seguito dell’attacco subito dal complesso greco-ortodosso, colpito da un’esplosione che ha ucciso 18 persone. Attualmente i fedeli sono quasi 700, tra cui 100 bambini, 50 persone con disabilità e alcuni feriti. Tra le vittime del bombardamento del complesso greco-ortodosso figurano un’insegnante della scuola di suor Nabila, tutta la sua famiglia e altri bambini che stavano frequentando la catechesi parrocchiale. Due volte al giorno si celebra la Messa e la gente prega costantemente il Rosario, cercando la pace attraverso l’intercessione della Vergine Maria e di Dio.

In una dichiarazione congiunta, i Patriarchi e i Capi delle Chiese di Gerusalemme hanno sottolineato l’impegno costante delle Chiese «nell’adempiere al nostro dovere sacro e morale di offrire assistenza, sostegno e rifugio a quei civili che vengono da noi in un bisogno così disperato». Nonostante le richieste da parte militare di evacuare le istituzioni caritative e i luoghi di culto, le Chiese hanno rifiutato: «Non abbandoneremo questa missione cristiana, perché non c’è letteralmente alcun altro posto sicuro in cui questi innocenti possano rifugiarsi». Invitano pertanto la comunità internazionale ad «garantire protezioni a Gaza per i luoghi di rifugio, come ospedali, scuole e luoghi di culto» e sollecitano un «cessate il fuoco umanitario immediato» per garantire la consegna sicura di forniture essenziali ai civili sfollati.

Le parole di suor Nabila fanno eco ai sentimenti della comunità locale, che auspica la fine delle violenze e sofferenze dopo quasi due settimane di prigionia nel complesso parrocchiale. «Pace, pace, vogliamo solo la pace. C’è così tanto male, così tanta sofferenza. È terribile. In questo momento abbiamo solo Dio», ha concluso.

Milena Castigli

Recent Posts

Israele punta a Rafah: “Pronti a entrare”

Israele è pronto a entrare a Rafah via terra. L'annuncio è arrivato da fonti vicine…

24 Aprile 2024

Medicina, stop (parziale) al numero chiuso: scatta la protesta

Un semestre di iscrizioni libere alla Facoltà di Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e protesi dentaria,…

24 Aprile 2024

Ponte del 25 Aprile: traffico da bollino rosso

In vista del ponte del 25 Aprile, la circolazione sulle strade italiane, si prospetta da…

24 Aprile 2024

Smolensk: attaccati due depositi petroliferi russi

A Smolensk, i servizi speciali ucraini, hanno colpito due depositi petroliferi dove erano stoccati 26…

24 Aprile 2024

Card. Pizzaballa: “Ineluttabile la soluzione dei Due Stati”

Il patriarca latino di Gerusalemme, card. Pierbattista Pizzaballa, ha descritto la situazione in Terra Santa…

24 Aprile 2024

In aumento gli attacchi di hacker filorussi all’Italia

  Italia sotto attacco degli hacker filorussi e, in un caso, filopalestinesi. Lo si evince…

24 Aprile 2024