La cattolica che salva gli animali a Gaza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:03

Quando si sente nominare la Striscia di Gaza si pensa automaticamente alla sofferenza vissuta dalle popolazioni israeliana e palestinese che sperimentano sulla propria pelle le conseguenze di un conflitto lungo decenni. Sono molte le realtà associative che si muovono in quell'area nel campo della solidarietà. E' raro, tuttavia, sentire di forme di volontariato a beneficio di animali. Questa è la missione di Diana George Babish, un'attivista di fede cattolica che ha scelto di dedicarsi alle cure dei cani randagi. Vista la delicata situazione, non accade di rado di imbattersi in animali feriti dallo sparo di proiettili.

La missione

A muovere Diana nell'attività che svolge è la sua profonda fede e l'ispirazione a San Francesco d'Assisi, il fratello degli animali. L'attivista ha spiegato al portale “Catholic News Service” le condizioni in cui è costretta ad intervenire e prestare il suo soccorso: “Continuano ad avvelenare e sparare ai cani perché non considerano le loro vite di valore”. Diana ha raccontato che la sua giornata inizia spesso con il salvataggio di cuccioli maltrattati dai ragazzini. La volontà di impegnarsi in questa missione è nata da un pellegrinaggio ad Assisi e dalla conoscenza della figura del Santo Patrono d'Italia. Di quell'esperienza, l'attivista ha raccontato: “Ancora oggi i piccioni rimangono sulla sua statua“, ha osservato,”Se Dio non volesse che qualcuno si prendesse cura degli animali, non avrebbe dato quella missione a San Francesco.”

La vita in Palestina

Diana ha abbandonato il suo lavoro sicuro in banca ed ha aperto il primo ricovero per animali esistente in Cisgiordania chiamata l'”Associazione per animali e ambiente – Palestina di Betlemme” nel 2013. Diana George Babish ha notato un recente e lieve cambiamento nella mentalità della sua popolazione:”Molti palestinesi iniziano a vedere che gli animali sono molto importanti: sto facendo opera di sensibilizzazione attraverso Facebook, combattendo gli abusi sugli animali”, ha detto. Alcuni dei suoi post hanno ricevuto 14.000 visualizzazioni, ha detto. “Passo dopo passo sto creando più soldati da combattere per il bene degli animali”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.