Chiesa Cattolica

L’intervento del card. Zuppi all’assemblea di Confartigianato

“Quando l’economia va contro la persona, c’è qualcosa che non va, che va corretto”, così il card. Matteo Maria Zuppi, arcivescovo di Bologna e presidente della Cei, durante l’assemblea annuale di Confartigianato. “Se l’economia non ha al centro la persona perde se stessa, impazzisce”, ha aggiunto l’arcivescovo nel suo intervento dinanzi all’assemblea a Roma.

Zuppi: “Quando l’economia va contro la persona, c’è qualcosa che non va”

“Quando l’economia va contro la persona, c’è qualcosa che non va, che va corretto”. Lo ha detto il card. Matteo Maria Zuppi, arcivescovo di Bologna e presidente della Cei, dialogando con la giornalista Monica Maggioni e il presidente di Confartigianato, Marco Granelli, durante l’assemblea annuale di Confartigianato, in corso a Roma. “Se l’economia non ha al centro la persona perde se stessa, impazzisce”, il monito del cardinale sulla scia di uno dei cardini della dottrina sociale della Chiesa, che “ha sempre al centro la persona”, e quindi “il senso etico e morale”.

“Altrimenti – il monito – quando si arriva all’uomo per il lavoro, è pericolosissimo”. A questo proposito, Zuppi ha rilanciato il concetto di “intelligenza artigianale”, contenuto nella relazione fatta poco prima da Granelli: “Si parla molto di intelligenza artificiale, che è un grandissimo strumento, ma a cui manca sempre un pezzo”, ha osservato il presidente della Cei.

“L’intelligenza artificiale è un’intelligenza creativa, ma non costruirà mai qualcosa di nuovo. Il più grande artigiano è il Padreterno, dotato di una creatività che non sarà mai artificiale”. “Nell’artigianato c’è qualcosa che non si può copiare”, ha fatto notare il cardinale rendendo omaggio ai presenti: “Anche quando l’artigiano copia, c’è sempre qualcosa di suo, che va oltre”.

Card. Zuppi: “Non possiamo abituarci alla morte dei bambini”

“Dopo la pandemia da Covid 19, stiamo vivendo un’altra pandemia, quella che il Papa chiama la terza guerra mondiale a pezzi”, ha aggiunto Zuppi. “Faticosamente tutti noi, dopo la pandemia, abbiamo capito che ci si salva solo insieme che siamo davvero sulla stessa barca”, l’analisi di Zuppi, che ha citato la “luce nel buio della pandemia” rappresentata dalla “statio” di Papa Francesco del 27 marzo 2020, da solo in in una piazza San Pietro vuota.

“Finora pensavamo che la guerra fosse qualcosa di molto controllabile e circoscrivibile, oggi capiamo invece che ci sono conseguenze”, il riferimento al tragico senario attuale. Di qui l’invito ad “essere artigiani di pace”, rivolto dal presidente della Cei, sulla scorta di Papa Francesco, soprattutto “a chi ha in mano le scelte che possono cambiare le sorti del mondo”. Per Zuppi è necessario inoltre “il coinvolgimento personale: non possiamo abituarci al dolore, al fatto che muoiano i bambini. E invece accettiamo che possano morire migliaia di bambini per mano dei terroristi”.

Fonte: AgenSIR

redazione

Recent Posts

Israele punta a Rafah: “Pronti a entrare”

Israele è pronto a entrare a Rafah via terra. L'annuncio è arrivato da fonti vicine…

24 Aprile 2024

Medicina, stop (parziale) al numero chiuso: scatta la protesta

Un semestre di iscrizioni libere alla Facoltà di Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e protesi dentaria,…

24 Aprile 2024

Ponte del 25 Aprile: traffico da bollino rosso

In vista del ponte del 25 Aprile, la circolazione sulle strade italiane, si prospetta da…

24 Aprile 2024

Smolensk: attaccati due depositi petroliferi russi

A Smolensk, i servizi speciali ucraini, hanno colpito due depositi petroliferi dove erano stoccati 26…

24 Aprile 2024

Card. Pizzaballa: “Ineluttabile la soluzione dei Due Stati”

Il patriarca latino di Gerusalemme, card. Pierbattista Pizzaballa, ha descritto la situazione in Terra Santa…

24 Aprile 2024

In aumento gli attacchi di hacker filorussi all’Italia

  Italia sotto attacco degli hacker filorussi e, in un caso, filopalestinesi. Lo si evince…

24 Aprile 2024