SI LICENZIA PER BATTERE IL RECORD MONDIALE DI SELFIE IN UN’ORA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Avere il tempo per dedicarsi ai propri hobby è sicuramente una grande opportunità che non tutti hanno. Spesso ritagliarsi dei momenti per realizzare le proprie passioni però non è così semplice, ci sono delle responsabilità che lo impediscono, come ad esempio, la famiglia e il lavoro. E’ proprio per questo che un giovane indiano ha deciso di abbandonare il suo impiego in ospedale per realizzare il suo sogno: battere il record mondiale di selfie in un’ora.

“Ho voluto mettere a fuoco il record. Ho lavorato per cinque mesi – spiega il giovane -. Ma quando la mia domanda al Guinnes World Record è stata accettata, ho deciso di smettere. Il mio orario di lavoro era dalle 22 alle 6 e non avrei avuto molto tempo per allenarmi”. Così il giovane ha provato a trovare una giustificazione per la sua insensata scelta.

Da qualche tempo oramai i selfie – gli autoscatti fatti da smartphone, tablet o fotocamere compatte – sono diventate una vera e propria mania che ha coinvolto tutti, senza distinzione di sesso o età. La passione per auto-immortalarsi in una foto non ha nulla di negativo. A meno che non si trasformi in mania e prevalga sul buon senso.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.