Shock nell’ateneo di Durham: studenti ricchi a “caccia” di ragazze povere

La denuncia tramite un gruppo Facebook universitario. Sarebbero emerse chat con richiami sessisti, commenti volgari sulle ragazze e classisti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:49

Uno scandalo dalle grandi proporzioni sembra che stia per investire uno degli atenei più prestigiosi del nord dell’Inghilterra. secondo quanto riporta l’Ansa, infatti, un gruppo di studenti maschi neoiscritti, che la stampa d’Oltremanica definisce “posh” (ossia di buona famiglia” avrebbe messo in piedi un giro di scommesse: vince chi riesce a portarsi a letto la ragazza più povera del campus.

Richiami sessisti e riferimenti allo stupro

Come riporta la stampa locale, sempre come riferito dall’Ansa, sembrerebbe che questi giovani studenti figli di papà abbiano dato vita a una sorta di ignobile e ripugnante “caccia” alle studentesse più povere. Da alcune chat sarebbero emersi richiami sessisti e classisti, e persino riferimenti allo stupro. Ma non solo. Nelle chat sarebbero emersi commenti volgari sulle ragazze meno abbienti, considerate alla stregua di trofei o di oggetti per il divertimento personale. 

Come se tutto ciò non bastasse, da una delle chat che sarebbero state denunciate, alcuni dei ragazzi si sarebbero scambiati consigli sulla tipologia di droghe da utilizzare per far perdere le inibizioni alle loro potenziali vittime e sulle modalità di mantenere segrete le loro conversazioni via internet.

Scoperti grazie ai social

Gli ignobili e ripugnanti “piani” di questi giovani sarebbero stati scoperti grazie all’azione di un gruppo Facebook universitario. Sarebbero spuntate conversazioni fra circa 60 ragazzi, in gran parte matricole.

Le azioni dell’Università

Dopo la denuncia, l’ateneo di Durham è intervenuto avviando un’inchiesta per chiarire cosa sia accaduto realmente e ha minacciato provvedimenti di espulsione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.