Mette acido nella bottiglia del collega: arrestata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Ha cercato di avvelenare il collega di lavoro mettendogli dell'acido cloridrico nella bottiglietta dell'acqua. Per tale motivo, i carabinieri hanno arrestato con l'accusa di tentato omicidio una donna di 52 anni di San Donato Milanese, comune a Sud di Milano.

La vittima è un collega di 40 anni che, dopo aver bevuto il primo sorso, si è subito accorto del sapore acre della bevanda, sputando tutto senza ingerire nulla. Lo sfortunato è finito in ospedale riportando comunque bruciature da acido alla lingua e alle papille gustative, giudicate guaribili in tre giorni, ma nessun danno alla trachea o alla gola.

Le indagini si sono subito indirizzate verso la donna che, in passato, aveva già molestato un'altra sua collega 35enne con telefonate anonime anche nella notte, e per averle imbrattato l'auto e la porta di casa con della vernice.

Arrivati in ufficio, dopo una rapida perquisizione, i militari hanno trovato nella borsa della donna le “armi del delitto”: una bottiglietta con la sostanza caustica e una siringa. In casa, i carabinieri di San Donato hanno trovato anche delle bombolette spray – probabilmente le stesse utilizzate per imbrattare auto e casa della collega – e sul cellulare le indicazioni sui principali acidi in commercio. Ciò nonostante, interrogata, la donna si è dichiarata innocente. Sconosciuto il movente dell'aggressione, forse nato da degli screzi in ambito di lavoro che però non giustificano gli atti persecutori né il tentato omicidio. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.