Marina di Carrara, la Polizia seda una rissa: sputi e insulti contro gli agenti

I poliziotti accerchiati dai residenti del posto, che cercano di impedire i fermi. In corso decine di identificazioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:58

Un semplice intervento di ripristino dell’ordine si trasforma in un caos. Alcuni agenti di Polizia, intervenuti per sedare una rissa a Marina di Carrara, si sono in poco tempo ritrovati oggetto dell’ira di numerose persone, che hanno cercato di impedir loro di salire sulle volanti, bersagliandoli con insulti e offese. Una scena surreale, ripresa da alcune telecamere di videosorveglianza, che hanno mostrato come, in poco tempo, gli agenti si siano ritrovati accerchiati dai residenti del posto, che avrebbero cercato di impedire l’identificazione delle persone coinvolte nella rissa. Pesanti gli insulti rivolti ai poliziotti, che hanno più volte cercato di allontanare il gruppo e di chiudere gli sportelli della vettura mentre cercano di far entrare un ragazzo.

Marina di Carrara, identificazioni in corso

Successivamente, alcuni ragazzi si sono piazzati davanti alla volante, a sirene già accese, tentando di impedirne la partenza. Nel frattempo, il gruppo (composto da decine di persone) continuava a inveire contro i poliziotti, intonando cori da stadio, lanciando oggetti e appellandoli con ulteriori insulti. Uno degli agenti, che aveva tentato di chiudere lo sportello posteriore della vettura, dove era salito il fermato, avrebbe ricevuto anche uno sputo. La pattuglia è infine riuscita ad allontanarsi, mentre dalla Questura hanno già fatto sapere che sono al vaglio le immagini girate dalle videocamere di sorveglianza e da video amatoriali. Secondo quanto riferito, sarebbero in corso le identificazioni di decine di persone e che nelle prossime ore verranno formalizzate le denunce.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.