Covid, vendeva in edicola i kit sierologici rapidi riservati ai medici

I Carabinieri del NAS di Cagliari hanno sequestrato in un'edicola del capoluogo sardo 55 kit per un valore di circa 1.100 euro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:46
pandemia

I Carabinieri del NAS di Cagliari, in collaborazione con la locale Arma territoriale, nell’ambito dell’attività di verifica sulla regolarità inerente alla commercializzazione dei test sierologici rapidi, hanno posto sotto sequestro, presso una rivendita di giornali ubicata nel capoluogo sardo, 55 kit per un valore complessivo di circa 1.100 euro.

Kit venduti in edicola

Il provvedimento di sequestro amministrativo scaturisce dagli accertamenti effettuati dai militari che risalivano agli illeciti commessi dal titolare della predetta edicola, il quale arbitrariamente immetteva in commercio dispositivi medici (Kit sierologici rapidi covid-19 per la rilevazione quantitativa di anticorpi) il cui utilizzo professionale è riservato in via esclusiva al personale sanitario.

Al termine delle operazioni – scrive un comunicato dell’Arma – l’imprenditore è stato segnalato alle competenti Autorità Sanitaria ed Amministrativa per i successivi adempimenti procedurali.

Controlli a tappeto

I militari stanno inoltre svolgendo tutti gli accertamenti necessari a verificare la sussistenza di eventuali altre irregolarità di carattere amministrativo, oltre all’individuazione dei fornitori e degli acquirenti. Il kit per il test rapido, è bene ricordarlo, non si vende in edicola!

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.