MARTEDÌ 30 MAGGIO 2017, 000:02, IN TERRIS

Insulta gli juventini alla radio: "Spero che venga giù l'aereo"

ANDREA ACALI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Insulta gli juventini alla radio:
Insulta gli juventini alla radio: "Spero che venga giù l'aereo"
L’ultima giornata di campionato non ha regalato soltanto le emozioni forti legate all’addio alla Roma da parte di Francesco Totti. Purtroppo è arrivata anche l’ennesima dimostrazione di come il tifo più becero possa scendere a livelli davvero infimi.

L’episodio riguarda una trasmissione radiofonica andata in onda su un’emittente bolognese al termine della partita vinta dalla Juventus sul campo dei felsinei. Un ascoltatore in diretta ha augurato tutto il male possibile alla società bianconera: "Spero che venga giù l’aereo che li porta a giocare la finale di Champions League". Una frase inammissibile, ingiustificabile, intollerabile. Si può anche essere avversari acerrimi, sperare nella sconfitta sportiva di “nemici” storici ma sperare in una tragedia no, è indegno. L’aspetto ancora più grave, però, è che uno dei conduttori radiofonici anziché dissociarsi da simili affermazioni e condannarle senza se e senza ma, ha rincarato la dose e spinto l’ascoltatore a “liberarsi”. Non solo. Quando il secondo conduttore, assolutamente imbarazzato, ha preso le distanze da quanto stava sentendo, è stato quasi deriso dal collega che l’ha apostrofato: "Bene, allora togliti le cuffie".

Parole gravissime: l'ospite in collegamento ha detto che "Questi riescono a rubare anche nelle partite in cui non conta niente" e il conduttore ha aggiunto "Non è ipocrisia, fa benissimo, voglio la morte di tutti gli juventini". Con un simile incoraggiamento il radioascoltatore ha proseguito: "Io odio tutti quelli che vestono la maglia bianconera, giocatori, allenatori, tutti, sono la vergogna del calcio italiano". Il conduttore ha concluso affermando: "Sei la mia voce grande Davide, ti ringrazio. Sei il mio idolo”.

Un dialogo incredibile. C’è da meravigliarsi poi se gli stadi diventano arene da gladiatori e le tifoserie danno libero sfogo all’odio verso l’avversario? Come si fa a dare spazio e voce a persone che alimentano un clima di intolleranza quando invece c’è bisogno di ricreare una cultura sportiva, una mentalità fatta di sana rivalità e anche di sfottò ma che sappia anche riconoscere i meriti dell’avversario? C’è da sorprendersi se poi le famiglie disertano gli stadi?

Non è questo il calcio che vogliamo. Il calcio, e lo sport in generale, è passione, è sacrificio, è voglia di superarsi per raggiungere traguardi ambiziosi, è condivisione. Questo è quello che va insegnato ai nostri figli. Qualcosa che va oltre i colori e l’appartenenza e che non può mai travalicare nell’insulto gratuito.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
In primo piano, la cosiddetta
ITALIA

Scampia, inizia la demolizione della Vela: "Non siamo solo Gomorra"

Il plauso del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris: "Una nuova periferia è possibile"
UDIENZA PONTIFICIA

"Etica ecologica contro l'egolatria"

Papa Francesco traccia le prospettive dell'educazione cattolica nel terzo millennio globalizzato
Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi
POLITICA

Il piano di Renzi per l'Italia. Presto l'incontro con Conte

Il leader di Iv pensa a come rilanciare il Paese. Timore per una destabilizzazione del governo
Panetto di cocaina
OPERAZIONE ANTIDROGA

Roma: sequestrata cocaina per un valore di 35mila euro

Cinque arresti, il commento del capitano Passaquieti della Compagnia di Frascati
Il bacio dell'uomo disabile a Papa Francesco - Foto © Andrew Medichini per AP
GESTI DI MISERICORDIA

Quel bacio al Papa che ha commosso il mondo

Ieri in udienza il Pontefice ha ricevuto un "regalo" inaspettato
MEDIO ORIENTE

In soccorso del Libano sull'orlo della bancarotta

Beirut chiede aiuto al Fondo Monetario internazionale. La drammatica situazione economica e finanziaria del Paese con più...
Il cantiere navale di Taranto
TARANTO

Tangenti per appalti della Marina Militare: 12 arresti

Il totale degli importi relativi alle gare veniva equamente diviso fra gli indagati
Rifugiati siriani in un punto di raccolta degli approvvigionamenti - Foto © The New York Times
EMERGENZA UMANITARIA

In Siria i profughi stanno vivendo la fine del mondo

Da dicembre in 900mila hanno lasciato le case per i bombardamenti. Procedono i negoziati
SOLIDARIETÀ

Pet therapy per l'oncologia pediatrica

Sulla Collina degli Elfi, in provincia di Cuneo, gli animali regalano un sorriso ai bambini malati di tumore. Ora una raccolta...
Il luogo della deflagrazione
CATANIA

Bomba davanti a un distributore, morto il ladro

Il giovane, non identificato, era assieme a un complice che è fuggito
EMERGENZA RAZZISMO

"La strage xenofoba di Hanau nasce dall'ignoranza della storia e dall'odio"

Intervista a Interris.it del vescovo Enrico dal Covolo, Assessore del Pontificio Comitato di Scienze Storiche
Il luogo della strage
GERMANIA

Strage di Hanau: 11 morti. Il cordoglio della Merkel

Il killer è un estremista di destra, Tobias R: "Alcuni popoli vanno annientati". Uccisa anche la madre
La disinfezione delle strade
CORONAVIRUS

Cina: "Gli sforzi per il controllo dell'epidemia stanno funzionando"

Morti due passeggeri della Diamond Princess. Scoperta "l'untrice" della Corea del Sud
Prostituzione minorile
AUDIZIONE

Roma: 31 procedimenti per prostituzione minorile

La pm Monteleone: "In aumeno i reati di pedopornografia e molestie sessuali"
Sandra Sabatini
RIMINI

Il 14 giugno la beatificazione di Sandra Sabattini

Alla Fiera di Rimini per ospitare tutti i membri della Comunità Papa Giovanni XXIII
Mons. Alfonso Miranda Guardiola, presidente della Conferenza Episcopale Messicana - Foto © Iglesia Católica en Salida ICES
CHIESA E SOCIETÀ

Femminicidi, parla mons. Guardiola: "Tolleranza zero"

La linea intransigente del presidente dei vescovi messicani: "È un dolore troppo grande"