Iniziativa choc in Francia: apre la prima “sala del buco”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

Si chiama “Salle de Shot”, ossia la “sala del buco” e aprirà ufficialmente le sue porte venerdì 14 ottobre in Francia. Si tratta di una struttura, solitamente aperta nelle immediate vicinanze di un ospedale, dove i tossicodipendenti potranno recarsi per iniettarsi droghe pesanti. Il tutto sotto lo sguardo attento di personale medico ed infermieristico. Gli “utenti” della sala, dovranno dimostrare ai medici di essere maggiorenni e assicurare di essersi procurati la droga da soli.

In Francia il dibattito su quelle che sono state ribattezzate “narcosale” è aperto da lungo tempo, ossia da quando alla guida del Paese c’era Nicolas Sarkozy. Ma è stato solo con il socialista Hollande che è attivato il via libera da parte del governo. Il progetto è sostenuto dalla Mildt, la Missione interministeriale di lotta contro le droghe e le tossicomanie.

Seppur molti ne tessano le lodi, sottolineando che in queste “sale” i tossicodipendenti possono iniettarsi droghe pesanti in buone condizioni igieniche, diminuendo così i rischi di contaminazione in particolare da epatite C e Hiv, resta sempre il fatto che così viene quasi legittimata il loro bisogno di “bucarsi”. Mettere a loro disposizione una stanza, per di più sotto l’osservazione di personale medico e infermieristico competente, non fa sì che diminuiscano le persone che fanno uso di stupefacenti, anzi in un certo qual modo potrebbe anche essere considerato un “incentivo”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.