Il sito regala biglietti aerei, ma è una truffa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

L'avvicinarsi delle vacanze di Natale sta dando nuova energia ai cybercriminali, che cercano di ingannare gli internauti con la truffa dei falsi biglietti aerei gratis. Le compagnie di bandiera da qualche giorno sono sfruttate per una campagna phishing particolarmente pericolosa. Lo schema è sempre lo stesso: la vittima viene portata a cliccare sul tuo feed di Facebook con la speranza di ricevere i biglietti gratuiti. In realtà, come avvisa il sito web Hoax-Slayer ripreso da Sportello dei Diritti, l’utente viene reindirizzato su siti maligni, strutturati per assomigliare in tutto e per tutto all’originale compagnia aerea. Le persone che cadono in questa trappola non riceveranno nessun biglietto gratis ma avranno “regalato” i loro dati personali a cybercriminali di ogni tipo, che potranno così utilizzarli per compiere i propri scopi.

Truffa periodica

Non si tratta della prima volta che gli hacker fingono di essere la compagnia aerea per regalare dei biglietti falsi in cambio dei dati degli utenti. Già in passato i cyber criminali avevano usato questa tecnica, mentre più di recente su WhatsApp si era diffusa la truffa legata a finti biglietti gratuiti RyanAir e Alitalia. Difendersi da questo tipo di raggiri, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, fortunatamente, non è complicato. Per prima cosa ricordiamoci di non cliccare a cuor leggero su post sponsorizzati sui social media o su link in arrivo tramite messaggio di posta elettronica. In secondo luogo evitiamo sempre di inserire i nostri dati personali, come data di nascita, nome, cognome e indirizzo di residenza, su siti poco sicuri: il rischio di subire un furto di identità è altissimo. Hoax Slayer (stilizzato come Hoax-Slayer ) è un sito web creato nel 2003 da Brett Christensen, dedicato all'analisi critica della veridicità delle leggende urbane. Mentre è meglio conosciuto per il debunking di false storie, ospita anche una pagina che elenca leggende urbane strane ma vere. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.