Era nullatenente, la GdF gli confisca immobili per 450mila euro

Appartamenti, un negozio e altre somme erano intestati ai figli dell'uomo, un 60enne pluripregiudicato di Falconara Marittima

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:38
Guardia di Finanza
cantalupo arrestato dalla guardia di finanza cologno - per redazione sesto - foto Altobelli / Spf

Per il Fisco era nullatenente. Ma all’uomo, un 60enne residente Falconara Marittima (Ancona), la Guardia di Finanza ha confiscato quattro immobili per un valore di 450mila euro. I beni erano stati accumulati negli anni, assieme ad importanti fortune intestate ai figli, sproporzionate rispetto ai propri redditi. Erano il provento delle numerose attività illecite poste in essere dall’uomo in un ventennio.

La misura è scattata dopo complessi accertamenti di natura economico-patrimoniale, compiuti dai finanzieri in forza al Gico del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Ancona, con l’operazione “Hawk”. I finanzieri hanno eseguito la confisca disposta dal Tribunale.

Acquisiti al patrimonio nello Stato, dopo essere già stati sequestrati nel febbraio 2020, 4 beni immobili ubicati nel comune di Falconara Marittima, del valore complessivo di circa 450.000 euro, riconducibili, di fatto, secondo gli investigatori, a un soggetto pluripregiudicato per reati tra cui furto, ricettazione e traffico di stupefacenti. Attraverso le indagini e meticolose ricostruzioni patrimoniali, le Fiamme gialle sono riuscite a ricostruire il profilo criminale di del 60enne, italiano di origine rom già destinatario in passato della misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza.

La confisca riguarda più precisamente un appartamento di 8 vani intestato a un figlio, un altro appartamento di 5,5 vani intestato alla figlia; un altro appartamento e un negozio intestati a un terzo figlio di 24 anni. Anche i tre figli sono risultati privi di capacità contributiva.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.