Coltivava marijuana in giardino di notte: spavento per i vicini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:52
I carabinieri con le piante di marijuana sequestrate

La scorsa notte, i Carabinieri della Stazione di Celico hanno deferito un 55enne di Rovito, in provincia di Cosenza, in quanto ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti. Nello specifico: faceva crescere in giardino le piante di marijuana, coltivandole in piena notte per non farsi vedere. Purtroppo per lui, l’insonnia di alcuni vicini lo hanno inchiodato.

La richiesta d’aiuto

La scoperta è infatti avvenuta nella notte, quando – verso 01:00 – la pattuglia della Stazione di Celico in servizio di vigilanza, è intervenuta in un condominio dopo la telefonata allarmata di una donna che aveva scorto dalla finestra, in piena notte, una persona nel proprio giardino. Una volta che la pattuglia è giunta sul posto, però, l’uomo si era già dileguato ma aveva lasciato “traccia” del suo lavoro notturno. I militari, entrati nel giardino della signora, hanno infatti notato un forte odore di marijuana provenire dal terreno adiacente a quello della donna, subito oltre la bassa recinzione che divide i due giardini condominiali.

Cannabis indica

Da lì, è scattato il secondo controllo durante il quale il personale operante ha ritrovato all’interno del giardino del vicino di casa 16 piante di “cannabis indica” dell’altezza media di 50 cm ciascuna, contenute all’interno di grossi vasi. A quel punto è scattato il blitz in casa del proprietario di un giardino, un italiano di 55 anni. L’uomo, svegliato in piena notte e messo alle strette, ha anche consegnato ai militari un sacchetto contenente dei semi di marijuana. Le piante sono state estirpate e poste sotto sequestro in attesa degli esami di laboratorio volti a stabilire il tasso di Thc presente. Dopo lo spavento per essersi trovato gli agenti in casa in piena notte, c’è da scommettere che il 55enne cambierà “hobby”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.