Anche la foto di un bacio può essere un flop

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Il gesto in sé, è quanto di più romantico possa avvenire tra uomo e donna. Il gesto che per definizione sancisce in maniera inequivocabile il legame – d'amore o d'affetto – tra due persone. Stiamo parlando del bacio. Che però in rari casi, in cui spesso c'è di mezzo una foto, può trasformarsi in un atto sconveniente, se non addirittura foriero di (giuste) polemiche.  

Il caso

Darren e Carolyn Carter hanno festeggiato la morte di un leone sudafricano facendosi immortalare durante un bacio, inginocchiati dietro al corpo della preda. La coppia di imbalsamatori non si è neanche sforzata tanto per catturarlo. La povera bestia infatti non viveva in libertà nella savana, ma in cattività. I coniugi sono arrivati in Africa prenotando con la compagnia locale Legelela Safari, responsabile della pubblicazione della foto su Facebook, travolta dagli insulti poi cancellati dagli amministratori. Inevitabile la rimozione della foto del bacio. Il post che accompagna la cattua recita così: “Duro lavoro sotto il sole del Kalahari…ben fatto. Un leone spaventoso“. Linda Park, manager dell'associazione sudafricana “Voice 4 Lions” ha confermato che il leone ucciso era tenuto in uno spazio recintato. Eduardo Goncalves della campagna Ban Trophy Hunting, iniziativa nata per abolire i trofei di caccia, ha aggiunto: “Sembra proprio un animale addomesticato, allevato al solo scopo di diventare oggetto di un abominevole selfie. Questa coppia dovrebbe vergognarsi e non mettersi in mostra”. Un esemplare adulto di questo tipo, se fosse libero nella savana, dovrebbe presentare cicatrici e graffi in tutto il corpo, che sono le conseguenze delle attività quotidiane di un leone: difendere il territorio, dare il colpo finale alle sue prede, litigare con altri maschi, e anche con le femmine. Il predatore di questo scatto invece, sembra uscito da una pubblicità. Raggiunto al telefono, Darren Carter non ha voluto commentare. Ha solo detto che “la polemica è politica”. Facendo il secondo clamoroso flop nel giro di poche ore.   

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.