SABATO 18 MAGGIO 2019, 00:01, IN TERRIS

Pappe e caffè: una sostanza nociva in agguato?

Un composto potenzialmente cancerogeno si annida in alcuni cibi

MARCO MANAGÒ
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Una pappa per bambini
Una pappa per bambini
I

l furano è una sostanza chimica cancerogena, poco conosciuta attualmente ma molto presente negli alimenti e in grado di recare danni gravi, in particolare al fegato. Potrebbe essere presente sia nei cibi rivolti ai bambini (alcune zuppe già pronte e alcuni omogeneizzati) sia in altri prodotti, tra cui caffè, preparati con cereali, pane tostato, birra e succhi di frutta. Le modalità di preparazione e di cottura di tali cibi possono determinare un aumento o una diminuzione del furano presente. Il riscaldamento eccessivo degli alimenti, insieme alla produzione e in casa, comporta, in genere, un aumento dei rischi. 


Siamo tutti a rischio

L’esposizione al furano è molto subdola sia perché riguarda tutte le fasce di età, compresi i più piccoli, sia per la gravità degli effetti che può arrecare, sia per la sua “trasversale” pericolosità che abbraccia diversi elementi comuni, come vitamina C, grassi, carboidrati, aminoacidi e alligna. 


Allarme

L’allarme giunge anche dall’Efsa (European food safety authority), l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, nata nel 2002, come agenzia dell’Unione europea, con sede a Parma e con il compito di monitorare e avvertire sui rischi riguardanti l’alimentazione. Su questo concordano pure gli esperti del Jecfa (Joint expert committee on food additives), un comitato congiunto di esperti di Fao e Oms.


Il caso del caffè

Il caffè, purtroppo, rivestirebbe il ruolo di maggior imputato riguardo il contenuto di furano. La torrefazione (dunque l’alta temperatura) contribuirebbe ad aumentare la presenza di questa sostanza. La preparazione tanto con la moka che con le moderne macchinette (a capsule o cialde) non escluderebbe i rischi. L'unico antidoto sarebbe un cambio delle abitudini, sforzandosi di consumare la bevanda fredda o dopo averla conservata per qualche ora nel thermos, abbattendo così la portata cancerogena della sostanza. E' la volatilità, infatti, il tallone d'Achille del furano. Il condizionale è d'obbligo visto che gli studi, come risultato del trattamento chimico del cibo e del relativo rischio cancerogeno per il fegato, non sono ancora completi. 


Smentita

I produttori di caffè, attraverso il Comitato Italiano del Caffè, da parte loro difendono il proprio prodotto, smentendo che le sperimentazioni sui roditori abbiano lo stesso effetto sull’uomo e ricordando come il consumo della bevanda prevenga, invece, altri tumori (carcinoma) al fegato. Rammentano i benefici della caffeina sul corpo umano, in regime di corretta alimentazione e ribadiscono quanto ha affermato, in precedenza, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, che ha inserito il caffè in classe 3, cioè non classificabile come cancerogeno per l’uomo. D'altro canto gli studi del prof. Javier Santos dell’Università di Barcellona dimostrerebbero che le capsule renderebbero più difficile l'espulsione del furano per via aerea: al loro interno se ne troverebbero circa 180 nanogrammi al millimetro, mentre al bar si è intorno a 95 e la caffettiera di casa si attesterebbe a 40. Non è dato sapere, al momento, quanto l’organismo umano sia rapido nell’espellere tali sostanze (non così rilevanti in termini di peso) o se tenda ad accumularle nel tempo.


Le pappe

La presenza del furano in alcuni omogeneizzatipappe pronte per i neonati è, purtroppo, realtà e lo ha ammesso anche la Commissione europea, invitando a vigilare e ad adottare le possibili contromisure. Tra queste, il “fai da te” dei genitori che sono invitati a scaldare tali prodotti in una padella, a bagnomaria. In tal modo, è possibile far volatilizzare gran parte del furano presente.


Responsabilità

I media attuali, tuttavia, tranne qualche richiamo sporadico, sembrano concentrare l’attenzione più su altre malsane (benché conosciute) abitudini alimentari. Con il furano si è ancora in una fase embrionale, decisamente in ritardo rispetto ad altri rischi alimentari; per questo sarebbe opportuno accelerare nella prevenzione e nei consigli. La collaborazione deve giungere anche dal senso di responsabilità del consumatore: in mancanza ancora di dati precisi ma con la certezza del pericolo cancerogeno del furano, è auspicabile, per esempio, rinunciare a una cottura elevata di patate fritte, di frittelle o di tostatura del caffè e al relativo consumo. In tal caso, i commensali si priverebbero di un sapore più gradevole ma si ridurrebbe, nettamente, la presenza di sostanze cancerogene (maggiore nei cibi cotti e compressi negli involucri).

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Ida Colucci, ex-direttrice del Tg2
GIORNALISMO

Lutto al Tg2, scomparsa Ida Colucci

Direttrice del telegiornale, ha dedicato la sua vita all'informazione
MIGRANTI

La Spagna apre i porti nelle Baleari, Open Arms vuole sbarcare a Lampedusa

La Francia è disposta ad accogliere 40 migranti. I 27 minori non accompagnati oggi a Porto Empedocle saranno trasferiti...
Hicham Boukssid, la vittima Hui
REGGIO EMILIA

Si è costituito il presunto killer di Stefania

La barista di origini cinesi era stata accoltellata lo scorso 8 agosto nel bar dove lavorava
Rifiuti
MUNICIPIO XI

Rifiuti: prima multa per violazione dell'ordinanza Raggi

Un uomo ha gettato l'immondizia contenuta in sacco nero e non trasparente
L'incendio e i soccorsi
SPAGNA

Incendio nell'isola di Gran Canaria: 4000 evacuati

E' il secondo rogo in pochi giorni, Torres: "Danno ambientale"

Perché non si parla di Lula?

Non si sentono più notizie sul Brasile, nonostante l’attuale Presidente Jair Bolsonaro della destra...