GIOVEDÌ 07 FEBBRAIO 2019, 11:00, IN TERRIS


ISTITUTO ITALIANO DI TECNOLOGIA

I micromovimenti degli occhi fondamentali per la vista

Lo studio italiano dell'Iit fatto con i ricercatori Usa apre a nuovi approcci terapeutici

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Occhio
Occhio
I

 micromovimenti oculari, finora considerati inutili se non addirittura dannosi dal punto di vista medico, costituiscono invece un elemento fondamentale per l’elaborazione dell’informazione visiva. Nello specifico, sono necessari per l’identificazione dei contrasti, fino ad oggi attribuita unicamente all’asse occhio-cervello. A dimostrarne l'utilità, uno studio, pubblicato sulla rivista internazionale eLife, coordinato dal ricercatore dell'Istituto Italiano di Tecnologia di Ferrara Antonino Casile, (Iit) insieme ai colleghi Michele Rucci dell’University of Rochester (Usa) e Jonathan Victor del Weill Cornell Medical College (Usa). L'Iit è un centro di ricerca scientifica con sede scientifica a Genova nato allo scopo di diventare un centro di riferimento per la ricerca scientifica ad alto contenuto tecnologico.


Il test

Insieme, i tre ricercatori hanno dimostrato che i micromovimenti degli occhi sono importantissimi per l’identificazione dei contrasti. Per capirne il ruolo, il team internazionale ha simulato al computer le risposte dei neuroni della retina sottoposti a stimoli visivi usati in test standard di percezione visiva confrontandole con la percezione visiva riportata da soggetti umani esposti agli stessi stimoli. Come riporta askanews.it, il confronto ha mostrato che, in assenza di movimenti oculari, le attività neuronali simulate differiscono drasticamente dalla percezione visiva dei soggetti umani. Tuttavia, aggiungendo i movimenti di fissazione ai modelli teorici, le risposte neuronali sono predittive delle risposte visive dei soggetti in un vasto range di condizioni sperimentali.

Questo risultato indica che la percezione visiva, non è unicamente un processo sensoriale da attribuire all’asse occhio-cervello, ma ha intrinsecamente anche una componente motoria determinata dai movimenti oculari. Lo studio permetterà sia di mettere a punto future terapie per correggere alterazioni della percezione visiva, sia di elaborare nuovi sistemi di visione artificiale.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La casa dei Turpin a Perris, California
LA SENTENZA

Casa degli orrori in California: 25 anni ai coniugi

I due avevano vissuto per anni a Perris segregando in casa i loro figli, incatenati e denutriti
Sergio Mattarella
ELEZIONI EUROPEE

Mattarella: "Sovranismo? Non minaccerà l'Ue"

Il Capo dello Stato a "Revue de Politique Internationale": "Sull'immigrazione servono soluzioni europee"
Corydalis densiflora subsp. apennina
MARCHE - UMBRIA

Scoperta una nuova pianta sugli Appennini

L'Italia è il terzo Paese più ricco di diversità vegetale dell'area mediterranea
Sfruttamento della prostituzione
TORINO

Sfruttamento della prostituzione: 11 arresti

I fermati sono 8 donne e 3 uomini tutti di nazionalità nigeriana
Armando Siri
CAOS GOVERNO

Siri si difende: "Usato come carne da macello"

Il sottosegretario: "Tangente? Ma siamo matti? Mai preso un soldo"
La chiesa dell'Abbazia di Praglia
PADOVA

L'acqua e i benedettini, tra storia e discernimento

Nell'Abbazia di Praglia, i cicli di seminari di "Armonie composte - Gestione, cura e costruzione del suolo"