Attualità

Valencia: le torri andate a fuoco per il poliuretano

In Spagna un incendio si è sviluppato al quinto piano di un edificio di nuova costruzione di 14 piani a Valencia, nel quartiere Campanar. Le autorità hanno annunciato il ritrovamento di quattro morti nel palazzo composto da due torri. Sarebbero venti le persone disperse, date già per morte dalle autorità. Secondo i media locali, infatti, i droni avrebbero individuato i corpi carbonizzati.

Sono invece almeno 14 i feriti, alcuni con sintomi da intossicazione. Le fiamme, a causa delle forti raffiche di vento, si sono rapidamente estese all’intero stabile le cui facciate erano ricoperte di materiale infiammabile.

Valencia: “Quattro morti, venti dispersi”

Sono confermate quattro vittime non identificate e almeno fra 9 e 14 persone ancora non localizzate, secondo l’ultimo bilancio provvisorio fatto questa mattina dalla sindaca Maria José Català dalla postazione delle Emergenze vicino all’edificio di 14 piani ridotto a uno scheletro dal pauroso incendio di ieri pomeriggio. Dei 14 feriti, soltanto sei restano ancora ricoverati, fra i quali 5 vigili del fuoco, per ustioni o fratture riportate nel tentativo di mettere in salvo i residenti del complesso di due blocchi di alloggi.

Català ha segnalato che un punto di assistenza psicologica ai familiari degli scomparsi è stato allestito nel posto di comando avanzato, mentre un secondo per l’assistenza alle famiglie evacuate è stato allestito nel centro de La Tabacalera. Negli hotel restano ospitati 36 dei residenti dei due blocchi.

Il rogo nel pomeriggio

Le fiamme si sono sviluppate alle 17:30 del 22 febbraio dall’ottavo piano per motivi in corso di accertamento, a causa del forte vento di ponente e delle temperature elevate di 25 gradi si sono rapidamente propagate lungo la verticale del grattacielo ed estese anche alla torre 2, nello stesso blocco del complesso residenziale, dove complessivamente vivono circa 350 persone in 140 appartamenti.

Numerosi residenti, fra i quali un padre con la figlia e una coppia, rimaste a lungo intrappolate su balconi dei piani superiori dell’edificio, sono stati portati in salvo dai pompieri, accorsi sul posto con decine di squadre, mentre veniva montato un ospedale da campo e inviate unità mobili per ustionati e di rianimazione. I vigili del fuoco non hanno ancora ispezionato l’interno dello stabile, che rischia di crollare.

I servizi di emergenza del 112 si avvalgono della collaborazione della Ume, l’Unità militare dell’esercito, che ha inviato una carovana di mezzi da Madrid, per mettere sotto controllo le fiamme e in sicurezza le due torri.

Le testimonianze dei sopravvissuti

Drammatiche le testimonianze dei residenti del complesso residenziale di lusso, in una delle zone di espansione della città, simbolo del boom immobiliare.

“Abbiamo visto i vetri esplodere per il fuoco e la temperatura è diventata insopportabile e siamo fuggiti fuori. Ma c’erano ancora molte persone all’interno, che urlavano disperate cercando i loro parenti e alle quali i pompieri hanno detto di mettere panni bagnati sotto le porte per tentare di bloccare le fiamme e il fumo”, ha raccontato Vicente ripreso dalla tv nazionale Rtve.

“Siamo sorpresi dalla rapidità con cui si sono propagate le fiamme, un’ora dopo il fuoco è passato anche alla torre 2, ci sono ancora molte persone dentro”, ha riferito sotto choc fra le lacrime Adriana Banu, l’amministratrice del complesso, al media locale Levante. Secondo una prima ricostruzione dei vigili del fuoco, il materiale isolante sugli edifici costruiti 15 anni fa avrebbe favorito il rapido sviluppo del rogo, peraltro senza che si siano attivati i sistemi antincendio.

La vicepresidente dell’Ordine degli Ingegneri tecnici industriali di Valencia, Esther Pchades, che effettuò una perizia sul grattacielo, ha attribuito la voracità delle fiamme al rivestimento di uno strato di poliuretano fra le placche di alluminio che ricoprivano la facciata, un prodotto “altamente infiammabile, che ha provocato l’espansione delle fiamme a tutto il palazzo in meno di mezz’ora”, ha dichiarato alla tv valenziana A’ Punt.

Il precedente: il rogo del grattacielo Grenfell a Londra

Secondo l’esperta, l’incendio stabilirà “un prima e un dopo” in Spagna, dove fino ad ora non si era verificato alcun episodio di tali drammatiche proporzioni. Dopo l’incendio del grattacielo Grenfell di Londra nel 2017, che provocò decine di vittime [compresi due italiani, ndr] alcuni Paesi, fra i quali appunto la Gran Bretagna, hanno vietato il poliuretano nelle costruzioni delle facciate, ma non la Spagna dove, soprattutto durante il boom immobiliare del decennio 2000- 2009, data a cui risale l’edificazione delle due torri di Valencia, sarebbe stato largamente impiegato.

E “lo è tuttora, sebbene isolato con barriere tagliafuoco”, per impedire che si propaghi il fuoco in caso di incendio. Secondo Puchades dopo l’incendio di oggi in Spagna, dove finora non si era verificato nessun rogo di così vaste proporzioni, potrebbe essere rivista la normativa, per vietare l’uso del poliuretano nei rivestimenti degli edifici.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

Maldive al voto: perché è un test politico fondamentale

Apparentemente un test locale ma, in realtà, un indicatore politico sulla stabilità delle relazioni tra…

21 Aprile 2024

Tajani: “Attacco all’Occidente? Non credo, evitiamo il panico”

Il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, cerca di smorzare l'agitazione creatasi attorno a una foto…

21 Aprile 2024

Roma, Caput Mundi e Caput Fidei

Il 21 aprile Roma compie 2777 anni. Essendo stata fondata da Romolo nel lontanissimo 753…

21 Aprile 2024

Il Papa: “Il Buon Pastore trova in noi la bellezza che non vediamo”

La domenica del Buon Pastore è un momento di particolare riflessione sulla condizione dell'uomo e…

21 Aprile 2024

Raid a Rafah: bambini fra le vittime

Nuovi attacchi israeliani sull'area di Rafah, nella Striscia di Gaza. Secondo quanto riferito dall'agenzia di…

21 Aprile 2024

Basilicata, il giorno del voto: in mezzo milione alle urne

Terza tornata elettorale, a livello regionale, del 2024. Stavolta, a essere chiamati alle urne sono…

21 Aprile 2024