Serie A, al Ferraris l’ultimo verdetto: il Genoa resta fra i grandi

I liguri schiantano l'Hellas 3-0 e restano in Serie A. Retrocede il Lecce, battuto 4-3 in casa dal Parma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:03

Il Genoa resta in A, scende in B il Lecce. Finisce così questo travagliato finale di stagione con l’ultimo verdetto. Tutto facile per i rossoblù di Davide Nicola che al Ferraris schiantano il Verona per 3-0 mentre i salentini cedono in casa (4-3) contro il Parma. Il Lecce va ad aggiungersi a Brescia e Spal già retrocesse.

Genoa in A, Lecce in B

Dura solo un anno la permanenza nella massima serie per la squadra di Liverani: una doppietta di Sanabria in appena 25′ spiana la strada al Grifone, con il Verona semplice spettatore. Romero la chiude per la festa rossoblu. A via del Mare, parte male il Lecce che alla mezz’ora è già sotto di due reti contro il Parma (autorete di Lucioni e gol di Caprari). I giallorossi la rimettono in carreggiata non con Barak e Meccariello ma, nella ripresa, ancora due gol del Parma con Cornelius e Inglese, quindi il 3-4 firmato da Lapadula.

Nelle altre gare che hanno chiuso la stagione, vittoria esterna dell’Udinese in casa del Sassuolo con rete di Okaka e pari tra Bologna e Torino: Zaza ha risposto nella ripresa alla rete di Svanberg.

Stagione (quasi) finita

Si chiude così la complicata stagione 2019-2020, stoppata nel bel mezzo dall’emergenza coronavirus e conclusa a ritmi forsennati, con la conquista del nono scudetto di fila per la Juventus, con al timone questa volta Maurizio Sarri, e la conferma in Champions League dell’Atalanta di Gasperini. Bella soddisfazione per Ciro Immobile e la sua Lazio, quarta classificata davanti ai cugini della Roma: ritorno in Champions dopo quattro anni (anche se nel 2016 furono solo i preliminari) e Scarpa d’oro per il bomber napoletano, che eguaglia il record risalente proprio al 2016 di Gonzalo Higuain, con 36 reti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.