Attualità

L’intervento della Roccella all’International Conference for the Universal Abolition of Surrogacy

Il ministro per la Famiglia, la natalità e le pari opportunità, Eugenia Roccella, è intervenuta all’International Conference for the Universal Abolition of Surrogacy [la conferenza internazionale per l’abolizione universale della maternità surrogata, ndr] organizzata a Roma dalla Lumsa.

Secondo il ministro, quando si parla di “surroga altruistica” deve “essere chiaro che altruistica non lo è affatto perché è impensabile che un sistema così complesso possa funzionare senza compenso”.

Maternità surrogata: Roccella: “Forma contrattuale di maternità”

La maternità surrogata è “una forma contrattuale di maternità, un vero e proprio sistema commerciale che crea un nuovo paradigma: il contratto sostituisce la relazione”. Lo ha detto Eugenia Roccella, ministro per la Famiglia, la natalità e le pari opportunità, intervenuta all’International Conference for the Universal Abolition of Surrogacy che si è aperta questa mattina a Roma presso l’Università Lumsa (fino a domani). Si tratta, ha spiegato, di “un contratto tra committenti e madre surrogata che include anche la cosiddetta donatrice di gameti, che deve essere sempre diversa dalla gestante, l’eventuale partner, la biobanca che fornirà gli ovociti, lo studio legale che seguirà le pratiche e l’agenzia che organizza il tutto”.

Surrogata: “Vero e proprio sistema commerciale”

Un vero e proprio sistema commerciale che implica procedure complesse e notevoli costi. Per questo quando si parla di surroga altruistica dev’essere chiaro che altruistica non lo è affatto perché è impensabile che un sistema così complesso possa funzionare senza compenso; la cosiddetta Gpa altruistica non esiste, è una contraddizione in termini. Oggetto del contratto è la cessione del bambino. Cessione dietro pagamento tramite un contratto dettagliato e con clausole molto stringenti, stipulato prima del concepimento perché se lo fosse prima sarebbe considerato reato di tratta di persone”.

“Se stipulato dopo il concepimento è reato, se prima, in alcuni Paesi non lo è”, il paradosso evidenziato dal ministro. “Il fatto che la pratica sia accettata in diversi paesi – ha osservato – contribuisce a cambiare la cultura e l’idea di genitorialità e maternità legandole alle leggi di mercato”. Dopo aver ricordato che in Italia “la legge 40 dichiara implicitamente la maternità surrogata reato, a la sanziona”, Roccella ha richiamato il “progetto di legge approvato alla Camera e in attesa di approvazione al Senato, che prevede di sanzionare la maternità surrogata effettuata da un cittadino italiano all’estero”. “La nostra costituzione – ha concluso – contrasta questo fenomeno senza margini di ambiguità; la Consulta ha dichiarato che la surrogazione di maternità offende in modo intollerabile la dignità della donna e mina nel profondo le relazioni umane”.

Fonte: AgenSIR

redazione

Recent Posts

Sant’Apollinare: cosa significa il suo nome

Sant'Apollinare, vescovo e martire, patrono di Ravenna e dell'Emilia Romagna. E' originario di Antiochia. La…

20 Luglio 2024

Cure gratuite per i poveri in Uganda. Missione-Kasese

In missione in Uganda dalla parte degli ultimi. A causa della povertà e della conseguente…

20 Luglio 2024

Alzheimer: corsa contro il tempo per i nuovi farmaci

Alzheimer: corsa contro il tempo per individuare protocolli che consentano terapie, cure e prevenzione. La…

20 Luglio 2024

Quali sono le priorità del mandato di von der Leyen

Ursula von der Leyen è stata rieletta per un secondo mandato alla guida della Commissione…

20 Luglio 2024

Fra Emiliano: “Fermiamoci per valorizzare i nostri pensieri”

Ad Avezzano (Aq), a poco più di un'ora da Roma esiste un santuario dedicato alla…

20 Luglio 2024

Solitudine, uno dei problemi più diffusi nella terza età

La solitudine, nella Terza e Quarta età, è una delle problematiche più diffuse del nostro…

20 Luglio 2024