Save The Children: a Bari volontari per un giorno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:30

Far conoscere l’impegno degli operatori e i progetti portati avanti per combattere la mortalità infantile: è questo l’obiettiva del villaggio “Every One” di Save the Children, messo in piedi a Bari. Una struttura di 170 metri quadri, fatta di legno e materiali riciclati, in cui tutti possono diventare “operatori per un giorno”.

Il villaggio, che sarà aperto per dieci giorni, è suddiviso in quattro ambienti tematici all’interno dei quali viene trattato il tema della salute di mamme e bambini prima e dopo il parto, grazie a installazioni interattive ed esperienze sensoriali. Si parlerà di altre tematiche centrali per l’associazione, come l’impatto della malnutrizione, delle emergenze e di come Save the Children risponde a tali sfide, attraverso il prezioso lavoro di decine di migliaia di operatori e operatrici sanitari.

All’inizio della visita, per ogni visitatore sarà possibile “gemellarsi” idealmente con un operatore o un’operatrice Save the Children, indossando un badge con il nome del prescelto, per vivere da vicino la sua esperienza: “Quello che sente un operatore Save the Children, lo sentirai anche tu”, recita infatti l’annuncio pubblicitario del Villaggio curato dall’agenzia Grey United.

Il villaggio può essere visitato anche virtualmente sul sito www.everyone.it. Fino al 2 novembre, inoltre, è possibile sostenere la Campagna Every One tramite il numero unico solidale 45508, inviando un sms del valore di 2 euro. È inoltre possibile donare all’associazione 2 o 5 euro, chiamando lo stesso numero da rete fissa: i fondi raccolti in Italia saranno destinati alla realizzazione di progetti in Egitto, Etiopia, Malawi, Mozambico, Egitto, India, Nepal e Pakistan.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.