Rassegna stampa internazionale. Cosa c’è nelle prime pagine

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:03

Nella giornata odierna il panorama internazionale è variegato e le maggiori testate giornalistiche mettono in luce notizie molto diverse. Vediamo nel dettaglio alcuni dei titoli. Tutte le testate non italiane differiscono dalle prime pagine italiane, queste ultime si concentrano infatti sulle dimissioni del Presidente della Repubblica Napolitano.

Il New York Times (nytimes.com) riserva una buona fetta della sua prima pagina al senatore McCain che, a 78 anni, prende le redini del Armed Services Commitee affermando inoltre che se lui fosse al posto di Obama sarebbe un capo di Stato migliore.

The Times (thetimes.co.uk), giornale inglese, si focalizza maggiormente sulla questione d’interesse internazionale che ruota intorno a mussulmani radicali e vignettisti. Nonostante sia la notizia in primo piano, le altre sono di carattere più nazionale e riguardano le strutture locali, ‘comunali’.

Time.com si concentra invece sulla scelta giapponese di aumentare le spese di carattere militare, decisione approvata dal gabinetto, che deve ancora passare tra le mani del parlamento. Subito a seguire la notizia del piano di un barista che voleva assassinare John Boehnner – membro del partito repubblicano.

Il fronte francese affronta, com’è facile immaginare, su Charlie Hebdo e sul prevedibile boom di vendite, con edicole che hanno terminato le copie in meno di mezzora! Le notizie di contorno sono tutte correlate a questa silenziosa resistenza al terrorismo. (cf: lemonde.fr lefigaro.fr)

In ultimo, il panorama spagnolo è in buona parte consacrato a questioni internazionali, con focus sulla Francia, le decisioni di Valls e Charlie Hebdo. El Paìs è l’unico giornale che nomina la Merkel e la sua lotta contro intolleranza e islamofobia e che, più in generale, da più rilevanza alla questione terrorismo con un occhio di riguardo al modo in cui i governi internazionali si stanno armando. (elpais.com)

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.