Milano, i disoccupati formano una squadra antidegrado

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:42

Il Comune di Milano, questa mattina, ha presentato alla città una nuova, importantissima squadra che dai prossimi giorni si occuperà della grande metropoli: è composta da persone disoccupate da molti anni e la sua “missione” sarà quella di combattere il degrado.
I funzionari, in tutto cinquanta persone tra cui 8 stranieri, inizieranno dal primo dicembre e, assieme ai dipendenti dell’Amsa, puliranno strade, raccoglieranno i rifiuti stradali e si occuperanno di rimettere ordine nelle zone più difficili della città.

I componenti della squadra sono da tempo seguiti dal comune di Milano nel servizio “Adulti in difficoltà”, e quello che inizieranno lunedì prossimo sarà un tirocinio della durata di tre mesi: indosseranno infatti la divisa verde degli operatori Amsa e una pettorina gialla con la scritta “un lavoro in comune”. Tra i loro compiti ci sarà anche quello di segnalare i senza dimora che dormono in strada.
Il tirocinio sarà interamente gestito e sostenuto dal comune e gli operatori riceveranno un rimborso spese di 25 euro al giorno e un ticket per il pranzo. L’impegno del comune sul progetto, che impegnerò cento persone entro il 2015, è di circa 300mila euro e “con questa attività – ha spiegato l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino – diamo la possibilità a uomini e donne che vivono da tempo situazioni di grave disagio sociale da ripartire proprio dal lavoro, svolgendo attività utili alla collettività a fianco degli operatori Amsa. La loro presenza sul territorio – continua – per aumentare pulizia e decoro in alcune aree circoscritte è ancora più significativa, perché realizzata nelle zone segnalate al Comune e all’Amsa dagli stessi residenti saranno per noi un ulteriore presidio sociale sul territorio”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.