Dopo 13 anni si chiude la missione Isaf

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:05

Con l’ammainabandiera si è conclusa dopo 13 anni l’operazione dell’Isaf in Afghanistan. Era il 2001 quando la Nato, su impulso degli Stati Uniti feriti dalla strage dell’11 Settembre inviava mezzi e truppe nel Paese asiatico, considerato il covo di Osama Bin Laden e il campo di addestramento dei kamikaze di Al Qaeda.

Il comandante della missione, il generale americano John Campbell, ha stilato un bilancio positivo dell’intervento: “Abbiamo portato gli afgani fuori dalle tenebre e dalla disperazione e abbiamo dato loro speranza per l’avvenire”, ha affermato. Da Washington, il presidente Barack Obama ha dichiarato: “La nostra missione di combattimento si è conclusa e la guerra più lunga nella storia degli Stati Uniti termina in modo responsabile”.

Ma per il portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, l’operazione si è conclusa con una “sconfitta assoluta”.  Il bilancio delle vittime è impressionante, in 13 anni sono morti quasi 10.500 soldati, tra Nato, forze di sicurezza a afgane e operatori della Contractor (una compagnia privata che fornisce consulenze o servizi specialistici di natura militare). Circa 68mila sono stati i caduti tra i talebani e gli insorti, mentre tra le 140mila e le 340mila sono state le perdite tra la popolazione civile.

LEGGI LA LETTERA DELLA MADRE DI DAVID TOBINI, UNO DEI 53 MILITARI ITALIANI CADUTI IN AFGHANISTAN

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.