Mamma ventisettenne precipita dalla giostra e muore Tragedia in un luna park di San Benedetto del Tronto. Da chiarire la dinamica dell'incidente

370

Tragedia nella notte tra venerdì e sabato a San Benedetto del Tronto dove una giovane mamma di 27 anni ha perso la vita nel luna park di Viale dello Sport. Erano da poco passate le 23 quando la ragazza è precipitata nel vuoto da circa 20 metri. La vittima, Francesca Galazzo, di Porto d’Ascoli, si trovava su una delle attrazioni, una capsula gravitazionale nota come “la palla“, quando, per motivi ancora tutti da chiarire, è volata fuori dalla giostra schiantandosi al suolo.

Giostra sequestrata

La ragazza, dopo essere precipitata, è parsa subito gravissima. Gli avventori del luna park, hanno dato subito l’allarme al 118. Sul posto sono giunti in breve i sanitari partiti dalla vicina postazione Potes, che hanno messo in atto tutte le possibili manovre di rianimazione, ma per la giovane sambenedettese purtroppo non c’era già più nulla da fare. La ragazza è morta pochi istanti dopo la caduta, a seguito, hanno rilevato i sanitari, delle gravissime lesioni riportate. La Procura della Repubblica di Ascoli Piceno ha disposto il sequestro della giostra. Sul posto il medico legale per una prima ricognizione in attesa che venga fissata l’autopsia, vigili del fuoco, polizia e carabinieri. Sarà l’inchiesta della magistratura ascolana a stabilire cosa non ha funzionato nel dispositivo di sicurezza al quale la donna era stata agganciata prima che l’attrazione venisse messa in movimento dal personale.

Dinamica da chiarire

Con la giovane, che lascia un bambino di 2 anni e mezzo, ci sarebbero state, secondo le testimonianze, la madre e un’amica. Due le ipotesi, tutte da verificare, su cui stanno indagando gli investigatori. La prima è legata a un malfunzionamento dei supporti di sicurezza da cui sarebbe scivolata la ragazza. La seconda che la stessa giovane, presa da un attacco di panico, si sia sganciata precipitando nel vuoto. Ma ogni conclusione è assolutamente prematura. Saranno gli accertamenti tecnici e le testimonianze dei presenti a fare chiarezza su questo dramma avvenuto sotto gli occhi di decine di persone che stavano trascorrendo una serata estiva all’insegna del divertimento.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS