Pakistan, autobotte in fiamme: 141 morti Il veicolo, che trasportava carburante, si è rovesciato su una statale all'altezza di Ahmedpur Sharqia

338
autobotte

E’ di almeno 141 il numero dei morti per le gravi ustioni riportate nell’incidente di un autobotte per il trasporto di carburante che si è incendiata ed è esplosa nella provincia di Punjab, nel Pakistan centrale. A riferirlo è Geo Tv. Il direttore generale del Soccorso stradale pachistano, Rizwan Naseer, ha precisato all’emittente che oltre alle 141 vittime registrate nell’area di Ahmedpur Sharqia di Bahawalpur, almeno altre 60 persone sono state trasferite in ospedale in condizioni critiche per ustioni fino al 70% del corpo.

L’incidente

L’accaduto, ha riferito l’emittente sulla base di informazioni ricevute dai soccorritori, è avvenuto in mattinata, quando il veicolo si è rovesciato su una strada statale all’altezza dell’area di Ahmedpur Sharqia, vicino a Bahawalpur, esplodendo e provocando un incendio che si è immediatamente propagato ai veicoli e alle persone che si trovavano nei paraggi. Il portavoce dl governo del Punjab, Malak Ahmed Khan, ha confermato le dimensioni della tragedia (oltre 120 morti e più di 100 feriti) attribuendola all’alta velocità dell’autobotte che si è rovesciata e ad una perdita di carburante che ha facilitato l’incendio e la successiva esplosione.

L’esposione

Fonti amministrative locali hanno riferito che “dopo l’incidente la gente si è avvicinata al veicolo per raccogliere il carburante che fuoriusciva. Ma all’improvviso è scoppiato un incendio seguito da un’esplosione che ha causato il tragico bilancio di vittime”. Tutti gli ospedali del Punjab sono stati posti in stato di massima allerta, mentre l’esercito ha annunciato la mobilitazione di uomini e mezzi per facilitare i soccorsi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS