Alessandria, sangue e vetri rotti: donna di 43 anni trovata morta in casa Indagini in corso sul decesso della 43enne rinvenuta priva di vita dal proprietario del suo appartamento. Gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi

305
Alessandria donna

E’ giallo ad Alessandria sulla morte di una donna di 43 anni, trovata priva di vita all’interno della sua abitazione in una pozza di sangue, abbandonato fra numerosi vetri rotti. A rinvenire il corpo assieme ai sanitari del 118, alle 22 del 10 giugno, il proprietario dell’appartamento, nonché fratello dell’ex compagno, il quale ha immediatamente allertato le Forze dell’ordine, accorse sul posto per i primi rilevamenti. Al momento, gli inquirenti non escludono nessuna pista, nemmeno quella dell’omicidio. L’ex convivente della 43enne, attualmente, non sarebbe in città probabilmente fuori per motivi di lavoro ma, secondo quanto riportato, si troverebbe in Italia e potrebbe già essere stato ascoltato dagli investigatori.

Le intemperanze

Non è escluso, secondo le Forze dell’ordine, che possa essersi trattato di un incidente, avendo constato la grande quantità di vetri frantumati presenti attorno al corpo, sul quale sono state rilevate numerose ferite da taglio. Alcuni testimoni avrebbero riferito di aver udito dei rumori e forse delle grida alle quali, tuttavia, non è stata data molta rilevanza poiché, già in passato, la donna si sarebbe resa protagonista di alcuni episodi simili. Il proprietario dell’appartamento, dopo aver tentato più volte di contattare l’inquilina (cercata anche dai conoscenti che non hanno ottenuto risposta), si è recato sul posto avvisando il 118 dopo l’ennesimo richiamo andato a vuoto facendo, una volta entrati nell’abitazione, la macabra scoperta. Stando a quanto riportato, la 43enne (di nazionalità italiana) avrebbe sofferto di alcuni problemi di natura psichica e, più volte, avrebbe dato vita a scene di intemperanza, gridando e rompendo oggetti.

A causa di questi trascorsi, nessuno nel vicinato ha pensato a una possibile tragedia. Sul posto sono giunti immediatamente il medico legale e il sostituto procuratore, Alessio Rinaldi, incaricato di coordinare le indagini le quali, al momento, proseguono senza trascurare nessuna pista.

 

Foto: RadioGold

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS