Altro che “signorine”, la più bella è la mia mamma

932

“Gli adulti da soli non capiscono niente, ed è stancante per i bambini dover sempre spiegare tutto”, scriveva Antoine de Saint-Exupéry nel “Piccolo Principe“. Proprio per l’innata capacità dei bambini, di vedere oltre le apparenze e, molto spesso, di essere più saggi degli adulti, la redazione di In Terris ha deciso di destinare uno spazio del giornale ai loro pensieri, riflessioni o anche più semplicemente ai loro disegni.

Questa settimana abbiamo deciso di dare spazio al pensiero di Anastasia che ha espresso chiaramente quale immagine rappresenta per lei la bellezza: “quella della mia mamma che porta sempre i vestiti con i colori e poi è profumata”.

“L’insegnante ha detto che le bambine sono signorine. Ma io non voglio fare la signorina e le unghie nere mi fanno schifo. Mi fa schifo anche il rossetto quasi nero. Quelle signorine non sono belle come la mia mamma che porta sempre i vestiti con i colori e poi è profumata. Io ho capito che no voglio diventare una signorina come quelle ma per molto tempo una bambina e poi subito grande. Poi la maestra ha detto come si diventa signorina e che devo avere il fidanzatino…ma io gli ho detto che sono ancora piccola e che voglio giocare prima con la mia amica Marta e con Simona e poi a me i maschi mi fanno arrabbiare perché sono un po’ stupidì e urlano sempre. Però c’è anche Claudio che e tanto buono perché lui ha una malattia che è disabile e noi lo aiutiamo gli vogliamo tanto bene però i maschi non ci giocano invece femmine si. E Claudio è contento perché ci sorride tanto e poi quando piange noi gli diamo le caramelle di nascosto e anche la cioccolata. Una volta però gli avevamo dato troppa cioccolata e lui gli ha fatto male la pancia e così la maestra ha capito che eravamo state noi e ci ha sgridato. Però noi femmine volevamo solo non farlo piangere perché lui è tanto buono e poi non ha il papà che è andato via e la mamma ha detto non torna. Allora noi siamo a fargli amicizia mentre i maschi sono quasi cattivi”. Anastasia, 7 anni

 

Vuoi vedere anche tu i tuoi lavori pubblicati ne “L’angolo dei piccoli”? Inviaci pensieri, riflessioni e disegni al seguente indirizzo email: interrisquotidiano@gmail.com

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS