Terrorismo, gli 007 italiani: “Sempre più concreto il rischio attentato” Presentata a Palazzo Chigi la relazione annuale dei servizi segreti

456
terrorismo

E’ sempre più alto e concreto il rischio di un attacco terroristico in Italia, da parte di alcuni “lupi solitari radicalizzati in casa”, che decidono di non partire verso il Medio Oriente determinandosi “a compiere ila jihad direttamente in territorio italiano”. E’ quanto si apprende dalla relazione annuale dei servizi segreti italiani inviata oggi in Parlamento. Il testo parla chiaramente di una “pronunciata esposizione dell’Italia alle sfide rappresentate dal terrorismo jihadista”.

I foreign fighters

Come evidenzia la relazione, il rischio principale viene dai foreign fighter. I “radicalizzati in casa”, infatti, sono dediti ad “attività di auto-indottrinamento e addestramento su manuali online, impegnati in attività di proselitismo a favore di Daesh e dichiaratamente intenzionati a raggiungere i territori del Califfato”. Tuttavia, a causa delle sempre maggiori difficoltà per viaggiare verso il Medio Oriente, questi soggetti potrebbero decidere di non partire e colpire direttamente sul suolo italiano. I servizi segreti citano il caso di uno straniero, partito dall’Italia nel 2015 con l’intento di raggiungere le terre del sedicente Stato Islamico, che aveva esortato altri elementi presenti sulla penisola a non raggiungere la Siria o Iraq ma, piuttosto, ad agire in Italia.

 

Pansa: “Tutta l’Europa è obiettivo del terrorismo”

Alessandro Pansa, direttore del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza, ritiene che tutta l’Europa rimane obiettivo di attentati: un’esposizione “testimoniata non solo da attacchi effettivamente verificatisi lo scorso anno, ma anche, ed è un dato che va ricordato, dalle numerose pianificazioni sventate o fallite, oltre che dal crescente numero di segnalazioni di progetti offensivi. Per quanto riguarda il fenomeno migratorio – sottolinea – non esistono elementi di connessione con una strategia jihadista che voglia utilizzare i migranti per infiltrare e inviare terroristi in Italia. Rimane un rischio potenziale e la guardia è sempre alta”.

Nel Vecchio Continente sono ipotizzabili “ulteriori, cruente campagne terroristiche in corrispondenza con gli arretramenti militari del Califfato”, si legge nella relazione, che cita i vari attentati del 2016: Bruxelles, Nizza, Berlino, ecc. Secondo gli 007 italiani, un tracollo del Califfato in Siria ed in Iraq potrebbe determinare “non solo uno spostamento di combattenti in altri teatri di jihad, ma anche un rientro nei Paesi di provenienza di mujahidin di origine europea e delle rispettive famiglie, bambini inclusi, la cui ‘disintossicazione‘ e integrazione saranno prevedibilmente complesse”.

Italia, via di fuga per l’Europa

La relazione sottolinea anche che l’Italia, oltre a rappresentare un “potenziale target di attacchi diretti”, potrebbe costituire “un approdo o una via di fuga verso l’Europa per militanti del Califfato presenti in Libia o provenienti da altre aree di crisi”. Non solo. Il Bel Paese potrebbe fungere anche come “base per attività occulte di propaganda, proselitismo e approvvigionamento logistico, nonché una retrovia o un riparo anche temporaneo per soggetti coinvolti in azioni terroristiche in altri Paesi, come verosimilmente accaduto nel caso dell’attentatore di Berlino, Anis Amri”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS