Bologna, attentato ad una caserma dei Carabinieri nella notte Oggi è prevista la visita di Renzi in vista del referendum, gli inquirenti seguono la pista anarchica

153
carabinieri

Nella notte una forte esplosione ha svegliato la città di Bologna. La stazione dei Carabinieri di Corticella è stata l’obiettivo di un attentato esplosivo: due taniche di benzina innescate da una miccia sono state posizionate davanti all’ingresso della stazione di via San Savino. numerosi i danni che l’ordigno ha provocato. Anche se i militari erano all’interno, non vi sono feriti. La modalità dell’accaduto lascia pensare alla matrice anarchica, anche perché nel pomeriggio in città è atteso il premier Matteo Renzi per un incontro in vista del referendum, tuttavia le indagini non escludono altre piste.

L’esplosione, avvertita dall’intero quartiere verso le 3:00, ha distrutto la porta a vetri dell’ingresso, frantumato due finestre al piano terra della stazione e annerito la facciata della caserma, situata quasi alla fine di una strada senza uscita, nei pressi di una chiesa parrocchiale. Nella stazione sono in servizio meno di dieci Carabinieri, alcuni dei quali dormivano all’interno dell’edificio. Il boato ha svegliato anche i residenti nei palazzi vicini. Anche se vi è un sistema di sorveglianza con telecamere, le registrazioni sono fuori uso, poiché l’onda d’urto ha danneggiato anch’esso.

Il Ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti, bolognese, in mattinata è arrivato in via San Savino per un sopralluogo e prendere atto personalmente dei danni provocati dall’attentato. Entrato nei locali, accompagnato dal comandante regionale dell’Arma, il generale Adolfo Fischione, e dal comandante provinciale, il colonnello Valerio Giardina, ha dichiarato: “Un attentato vigliacco. Se l’obiettivo era quello di rendere più debole l’Arma dei Carabinieri sappiano che invece questo è il miglior modo per renderli più forti e rendere più forte lo Stato“.

Simonetta Saliera, presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna, condanna il a gran voce il gesto: “Condanniamo ogni forma di violenza ed esprimiamo la più forte solidarietà e vicinanza all’Arma dei Carabinieri, il cui lavoro è garanzia di sicurezza e serenità per tutti i cittadini della Repubblica e per la solidità delle Istituzioni repubblicane. L’augurio è che i responsabili del vile attentato di questa notte alla Stazione dei Carabinieri San Savino di Corticella siano individuati e puniti al più presto”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS