PRONTA LA PRIMA MAPPA GLOBALE DEI VIRUS CHE POPOLANO LA TERRA L'operazione di sequenziamento ha permesso di identificare 125.000 genomi virali

650

E’ stata completata la prima mappa globale dei virus che popolano la Terra. L’immane lavoro è frutto di una operazione di sequenziamento, che ha permesso di identificare 125.000 genomi virali completi o parziali presenti in oltre 3.000 campioni prelevati in dieci habitat. Questa grande banca dati genomica aiuterà a scoprire nuovi virus ancora sconosciuti e le tecniche che sfruttano per prendere il controllo delle cellule. Inoltre, in futuro, potrebbero permettere di creare nuove forme di vita sintetica utili per affrontare le nuove sfide energetiche e ambientali.

Lo studio – pubblicato sulla rivista scientifica Nature – è il risultato di anni di lavoro dei ricercatori del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti (Doe). ”Uno degli aspetti più importanti di questo studio è che non ci siamo concentrati solamente su un singolo habitat”, spiega il coordinatore Nikos Kyrpides, del Doe Joint Genome Institute. ”Al contrario – precisa – abbiamo esplorato il viroma globale ed esaminato il flusso dei virus attraverso gli ecosistemi. Abbiamo aumentato il numero di sequenze virali note di 50 volte, e il 99% delle famiglie di virus identificate risultano non essere strettamente correlate a nessun virus sequenziato finora. Questo ci offre un’enorme quantità di nuovi dati che dovranno essere studiati in dettaglio nei prossimi anni”.

Una prima analisi della distribuzione territoriale ha fatto scoprire ai ricercatori che la maggior parte dei virus ha sviluppato una specificità per un particolare tipo di habitat; solo una minima parte di loro è più ‘cosmopolita’. Analizzando i dati raccolti, i ricercatori hanno scoperto quali batteri vengono infettati dagli oltre 10.000 virus studiati, iniziando così a far luce su queste entità biologiche elementari con caratteristiche di parassita obbligato, in quanto capace di replicarsi esclusivamente all’interno delle cellule viventi di altri organismi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS