ARMENIA, CENTINAIA DI ARRESTI DURANTE LE MANIFESTAZIONI CONTRO IL PRESIDENTE I manifestanti hanno protestato in segno di sostegno agli uomini che dal 17 luglio sono asserragliati con ostaggi in uno dei commissariati della capitale

879

Decine di manifestanti sono rimasti feriti in scontri con la polizia antisommossa a Ierevan, la capitale dell’Armenia. Lo riferisce la Bbc online. Nello specifico, i manifestanti hanno protestato in segno di sostegno agli uomini che dal 17 luglio sono asserragliati con ostaggi in uno dei commissariati della capitale – nella caserma di polizia di Ierevan – e chiedono le dimissioni del presidente Serge Sarkisian. Gli uomini armati che hanno preso gli ostaggi al commissariato sono sostenitori dell’oppositore Jira r Sefilian, da tempo in carcere per aver fortemente criticato il modo in cui il presidente Serge Sarkisian ha gestito il conflitto del Nagorno-Karabakh.

Poliziotti hanno caricato con manganelli i manifestanti che urlavano ‘Liberate Armenia indipendente’ e ‘Serge, vattene’. L’agenzia di stampa armena Sputnik riferisce che almeno 60 persone, tra cui tre giornalisti di Radio Liberty, sono rimaste ferite negli scontri e 40 sono ricoverate in ospedale. Secondo le autorità, i ricoverati in ospedale sono una sessantina mentre 165 persone sono state fermate e di queste 26 confermate in stato di arresto. L’Armenia – piccolo Paese euroasiatico a maggioranza cristiana – ha relazioni molto difficili anche con la Turchia, per la questione del genocidio armeno (1905-1915) sempre negato da Ankara e ultimamente ricordato anche da Papa Francesco.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS