SVELATA LA NEBULOSA DI ORIONE, LA “NURSERY” DEI NUOVI PIANETI Grazie al Very Large Telescope (Vlt) posizionato in Cile si è scoperto un ammasso di piccole stelle

595
  • Español

Per la prima volta un telescopio è riuscito nell’intento di svelare i segreti della Nebulosa di Orione, una delle più brillanti del cielo notturno ben visibile anche a occhio nudo. Grazie al Very Large Telescope (Vlt) dell’Eso (l’European Southern Observatory) posizionato in Cile, che ne ha esplorato l’interno, si è scoperto un ammasso di piccole stelle e pianeti nascenti: un sorprendente vivaio di pianeti mai osservato finora.

La spettacolare immagine fotografata dal Vlt, la più profonda finora ottenuta della Nebulosa, mostra la presenza di un numero di stelle nane brune e di oggetti simili a pianeti dieci volte maggiore di quanto si fosse supposto fino ad oggi. “Comprendere quante stelle di piccola massa si trovino nella Nebulosa di Orione è molto importante per definire meglio le attuali teorie sulla formazione stellare”, commenta Amelia Bayo, dell’università di Valparaiso, co-autrice dello studio.

Infatti gli astronomi contano quanti oggetti si formano in regioni come la Nebulosa di Orione per capire come si formano le stelle. Prima di questa ricerca, gli astronomi avevano misurato che gli oggetti più numerosi avevano masse di circa un quarto quella della massa del Sole. Ora, invece, lo studio ha mostrato che ne esistono anche con massa molto minore, facendo così ipotizzare che il numero di oggetti di massa planetaria possa essere molto maggiore di quanto finora calcolato.

I dettagli del lavoro, coordinato da Holger Drass, dell’università tedesca della Ruhr di Bochum (Rub) sono stati pubblicati sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS