RAGGI: GIUNTA PRONTA. “E’ FORTE E LIBERA, LAVORERA’ PER I CITTADINI” Filtra ottimismo dall'entourage della sindaca: "Squadra chiusa nelle ultime 48 ore". Giovedì la presentazione

552
campidoglio

Virginia Raggi rispetterà la data del 7 luglio per la presentazione della prima giunta capitolina del Movimento 5 Stelle. “Abbiamo chiuso nelle ultime 48 ore – dicono dall’entourage della sindaca – E’ forte, ha le mani libere e sposa il progetto di governo del Movimento 5 Stelle. Lavorerà nell’interesse dei cittadini”. Sono dunque stati sciolti gli ultimi nodi sulla squadra dopo i malumori tra Raggi e il direttorio grillino. Sicuri del posto di assessore sono Bergamo (Cultura), Muraro (Ambiente), Lo Cicero (Qualità della vita) e Berdini (Urbanistica e Lavori Pubblici). Quest’ultimo avrebbe però espresso dei dubbi sulla doppia delega, tanto che lo staff di Raggi starebbe pensando a un’alternativa per i Lavori Pubblici. Al Bilancio dovrebbe andare uno tra Morgante (che già se ne occupò durante la prima giunta Marino) e Minenna, dirigente Consob. Stefano dovrebbe, invece, occupare la casella dei Trasporti.  Insomma ci siamo.

A difendere le scelte di Raggi, criticata da più parti per gl’intoppi nella costruzione della squadra, ci ha pensato Antonio Di Pietro. “Le eventuali difficoltà che starebbe incontrando a Roma nel formare la sua giunta non mi preoccupano – ha detto l’ex magistrato – anzi mi sarei preoccupato del contrario. Stiamo parlando di Roma, stiamo parlando di una realtà politica che dalla sera alla mattina si trova in una responsabilità così grande e tutti le stanno addosso e non vedono l’ora che faccia una sbavatura. Raggi e il Movimento Cinque Stelle hanno la mia solidarietà. Stanno tutti col fucile puntato verso di lei e non vedono l’ora che faccia il primo sbaglio”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS