SE NON INVERTI LA ROTTA

3175
  • English
satana

Sara Di Pietrantonio era una ragazza di appena ventidue anni, bruciata viva dalla furia omicida di un ex-fidanzato di ventisette anni accecato dall’ira e da una mostruosità inaudita. Come si può dire di amare o aver amato una persona e poi senza pietà torturarla bruciandola viva mentre grida aiuto? Queste vicende, che si ripetono sempre più spesso, sono più che diaboliche e senza senso. Non c’è vendetta, né gelosie né altri motivi che possano giustificare la violenza e l’aggressione, figuriamoci la tortura.

Purtroppo con questa giustizia italiana vedremo ancora una volta l’assassino finire presto la sua pena e magari con l’attuale sistema carcerario uscire un giorno senza neanche aver compreso la gravità del male compiuto.

Le vite di tante giovani donne vengono distrutte e cancellate per sempre, molte restano invisibili specialmente se provenienti dal giro della prostituzione. Ciò che più ci lascia basiti in questa particolare vicenda è l’indifferenza degli automobilisti passati dinanzi a Sara mentre gridava aiuto e nessuno si è fermato, neanche hanno chiamato per chiedere soccorso. Sembra che l’esistenza umana abbia perso del tutto il suo valore e con la rabbia nel sangue si possa arrivare a desiderare il peggiore dei mali, la morte.

Non basta più inorridirsi, è necessaria una revisione profonda di tutta la società, un fermarsi seriamente guardandosi dentro senza discolparsi come se ognuno fosse sempre assente e intoccabile. Questa tendenza a fare gli spettatori dell’horror altrui non ci vedrà mai uniti nel lottare per una fondamentale sostituzione dell’attuale sistema di valori deformati.

L’uomo però sembra non avere più dentro di sé quegli anticorpi dell’autocritica, la capacità di sentire una coscienza civica dove nell’altro si fonda il bene comune. Gli spazi della comunicazione sono tutti occupati dalle frottole e dalle chiacchierate inutili dove il dialogo è improponibile e il mettersi in discussione un’assurdità. Sempre ieri un padre in Valtellina di 43 anni ha ucciso il suo piccolo di appena sei anni e poi si è tolto la vita. Questa notizia ha avuto risalto solo nelle cronache locali, forse perché c’è poco da ricamarci sopra… Ogni giorno sentiamo tragedie simili, e alla morte violenta e macabra ci si è abituati. Lo sconcerto di un momento, poi si volta pagina. Possibile che nessuno si chieda dove andremo a finire se non si inverte la rotta?

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY