AMMINISTRATIVE, FASSINA: “RAGGI E GIACHETTI NON SONO AUTONOMI” Il candidato sindaco di Si al forum dell'Ansa: "Se Roma tonerà alla destra la responsabilità è di chi ha mandato i consiglieri comunali Pd dal notaio assieme a quelli del centrodestra"

507
fassina

“Se siamo al pericolo che Roma finisca in mano alla destra la responsabilità è di chi ha mandato i consiglieri comunali Pd dal notaio assieme a quelli del centrodestra”. Lo ha dettp il candidato sindaco di Roma di Si-Sel Stefano Fassina in un forum all’Ansa a proposito di una possibile convergenza su Roberto Giachetti al ballottaggio.

“La rottura con la sinistra si era già consumata a luglio – ha spiegato -. Ero disponibile a una candidatura civica proposta da Tocci ma il Pd non ha voluto – ha detto Fassina – questo lo ricordo a chi ora in difficoltà fa appelli all’unità che prima non hanno voluto”.

Per quanto riguarda il progetto di reddito di dignità “copre 13 mila famiglie romane povere con figli a carico, rimaste scoperte dagli interventi del governo – ha sottolineato-. Con 45 milioni di euro possiamo portare oltre la soglia di povertà circa 30 mila bambini poveri”. Le risorse per il reddito di dignità verrebbero dalla “rinegoziazione con Cassa depositi e prestiti (Cdp) del mutuo della gestione commissariale del debito storico di Roma”.

Fassina ha rimarcato che, da sindaco, agirebbe in totale autonomia, a differenza di “Raggi e Giachetti che hanno bisogno di autorizzazioni scritte per fare affermazioni su questioni rilevanti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS