HONG KONG, CARD. ZEN: “SERVE UNIONE E COOPERAZIONE PER LA DEMOCRAZIA” La Federazione degli studenti non parteciperà alla veglia in ricordo dei martiri di piazza Tiananmen

611

Per la prima volta in 27 anni, la Federazione degli studenti di Hong Kong ha annunciato che non parteciperà alla grande veglia in ricordo dei martiri di piazza Tiananmen. Il card. Joseph Zen Ze-kiun, vescovo emerito del Territorio, commentando la decisione della Federazione, ha detto: “Sono giovani e pieni di coraggio” ma non sono abbastanza maturi per comprendere il tempo presente.

La veglia, che si svolge nella notte fra il 3 e il 4 giugno al Victoria Park, vede la partecipazione di centinaia di migliaia di cittadini guidati dall’“Alleanza a sostegno dei movimenti patriottici democratici di Cina” con lo scopo di sottolineare la responsabilità politica e penale di Pechino nel massacro degli studenti e degli operai del 1989. La manifestazione serve anche a chiedere di eliminare il verdetto storico su quei giovani che il governo comunista sempre definito “contro-rivoluzionari”, rifiutandosi così di fornire i dati storici relativi alla repressione.

La Federazione degli studenti ha annunciato il proprio ritiro sostenendo di avere “visioni contrastanti” riguardo agli scopi dell’“Alleanza”, gruppo che ha l’obiettivo dichiarato di “costruire una Cina democratica”. Secondo gli studenti della Federazione, infatti, è più importante “concentrarsi sullo sviluppo democratico di Hong Kong” lasciando da parte gli sforzi dei democratici continentali.

Secondo il card. Zen, il loro scopo “è velleitario. Hong Kong fa parte della Cina, e su questo non si discute. Questi ragazzi vanno avanti di testa loro e non ascoltano… Mi dispiace, ma viviamo in un mondo libero. La cosa triste è che non hanno la maturità di capire che oggi più che mai servono unione e cooperazione per vincere questa grande e lunga battaglia per la democrazia”. I ragazzi, conclude il presule, “sostengono di essere diversi da noi vecchi, ritengono di avere idee vincenti che noi non abbiamo mai avuto. Ma se questi vecchi non avessero lottato per decenni, Hong Kong sarebbe stata un boccone nelle fauci di Pechino”.

Hong Kong (letteralmente “porto profumato”) è una delle due Regioni Amministrative Speciali della Repubblica Popolare Cinese insieme a Macao. Si trova sulla costa meridionale della Cina tra il delta del Fiume delle Perle e il Mar Cinese Meridionale. Con una superficie di 1.104 km quadrati e una popolazione di sette milioni di persone, il 95% dei quali di etnia cinese, Hong Kong è una delle aree più densamente popolate del mondo. Il primo luglio 1997 vi fu il trasferimento della sovranità della regione dal Regno Unito alla Repubblica Popolare Cinese, che terminò ufficialmente i 156 anni di dominio coloniale britannico. Con la Cina sono ancora aperti i contrasti per chiedere a Pechino maggiore democrazia nel territorio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS