FUMATA GRIGIA SULLA MELONI A PALAZZO GRAZIOLI, BERLUSCONI RIFLETTE Il premier sembra intenzionato a mollare Bertolaso. Ma il "cerchio magico" vuole convincerlo a ripensarci

536
berlusconi

Bertolaso sì, Bertolaso no. Silvio Berlusconi non ha ancora sciolto le riserve sul candidato per il Campidoglio che, per il momento, resta l’ex capo della Protezione Civile. Il vertice di Palazzo Grazioli non ha portato alla fumata bianca sul sostegno a Giorgia Meloni. Una scelta quasi inevitabile (i sondaggi parlano chiaro) ma su cui Forza Italia è divisa. Da una parte ci sono i soliti “fedayn” dell’ex Cavaliere, da Brunetta a Tajani, che consigliano di puntare ancora su Bertolaso, per non far passare il messaggio di un imminente avvicendamento, favorevole a Matteo Salvini, nella guida del centrodestra. Dall’altra c’è l’ala che teme un clamoroso flop azzurro nella Capitale e vede lo spettro dell’irrilevanza politica laddove l’uomo del presidente dovesse fallire.

Tra le opzioni prese in considerazione anche quella semmai di convergere su Marchini per riaprire un canale di dialogo con l’ala moderata che fa capo ad Angelino Alfano. A prevalere però pare sia stata la “fazione” pro Meloni tanto che diversi pontieri azzurri si erano spesi affinché l’accordo fosse suggellato con una cena proprio tra l’ex prmeier la leader di Fdi a cui sarebbe stato invitato anche lo stesso Salvini impegnato però a Grosseto in iniziative elettorali. Che l’intesa fosse ad un passo lo dimostra anche la notizia circolata per tutto il giorno di un nuovo faccia a faccia tra il Cavaliere e Bertolaso in cui l’ex capo del governo avrebbe dovuto comunicare al diretto interessato l’uscita di scena. A sparigliare le carte però sarebbe stato il cosiddetto cerchio magico: Se molli Bertolaso dimostri che a comandare è Salvini, è il ragionamento fatto a Berlusconi.

Ma il presidente di Forza Italia resta tentato dalla proposta di Salvini: una sorta patto per andare uniti in tutta Italia. Un accordo in cui Berlusconi farebbe il padre nobile della rinata federazione del centrodestra. La decisione, in ogni caso, è imminente: oggi pomeriggio la Meloni aprirà ufficialmente la sua campagna elettorale al fianco di Matteo Salvini.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS