STORACE PRONTO A SOSTENERE LA MELONI: “LA GENTE CI CHIEDE UNITA'” Il leader de La Destra al Tempo: "Potrei votarla, bisogna vedere se lei è d'accordo". Salvini: "Insieme mandiamo a casa la sinistra"

471
storace

L’unità del centrodestra prima di tutto, anche a costo di fare un passo indietro. Francesco Storace, candidato sindaco de La Destra, ha aperto a un apparentamento con Giorgia Meloni già dal primo turno. “Meloni vuole fare il sindaco? Parliamone – ha detto l’e governatore del Lazio al Tempo -. Io sto incontrando tantissime persone per strada, e gran parte di quelli che mi vogliono votare dicono: ‘Però dovete stare uniti’. Se gli altri si ritirano io sono disponibile a ritirare a mia volta la candidatura per Giorgia Meloni, se tutto ciò avviene in un quadro unitario”. Storace ha detto di essere pronto a “votare la Meloni. Resta da capire se lei accetta di essere votata; questa è la cosa buffa. Vedo, poi, che Guido Bertolaso continua a dire che ha i sondaggi buoni. Che dire allora? O il centrodestra si mette d’accordo al suo interno oppure non so con chi dovrei stare unito. Non si può chiedere a me unità se non sono uniti nemmeno loro”.

Chi auspica di far crescere la coalizione a sostegno della Meloni è Matteo Salvini. “A Roma ci sono dodici miliardi di euro di debiti accumulati che finiranno sul collo dei cittadini romani. E quel fenomeno di Renzi si preoccupa di fare le Olimpiadi a Roma… Io penso e spero che il centrodestra si ricompatterà sostenendo il candidato più forte – ha spiegato a “La telefonata” di Belpietro – Se i numeri dicono che Giorgia Meloni prende più del 20 per cento e Bertolaso non arriva al dieci, lascio giudicare ai cittadini chi ha più possibilità di mandare a casa la sinistra e di riportare un po’ di ordine in questa città”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS