UN TUFFO NELL’ARTE: A LANZAROTE IL PRIMO MUSEO SOTTOMARINO EUROPEO Il pubblico potrà godere della bellezza delle sculture e dei paesaggi sottomarini delle Canarie

616
museo

Un museo interamente costruito sott’acqua: si trova a Lanzarote, isola spagnola dell’arcipelago delle Canarie, ed è il primo nella suo genere, almeno in Europa. Uno spazio espositivo particolare, suggestivo, nel quale il pubblico si “tuffa” nel vero senso della parola. La “mostra” è composta da decine di statue che raffigurano persone di ogni tipo: dai bambini alle persone anziane, vere e proprie opere d’arte che si trovano a una profondità davvero notevole, che raggiunge ben 14 metri.

Le statue adagiate sul fondale spagnolo sono state realizzate dall’artista britannico Jason deCaires Taylor. Lo scultore, da sempre innamorato del mare e convinto difensore dell’ecosistema marino, è conosciuto in tutto il mondo per le sue installazioni sottomarine, come quelle del Museo Subacuático de Arte, nel Messico, e del parco di sculture sottomarine di Grenada, nel Mar dei Caraibi.

Il museo sott’acqua, ovviamente, può essere raggiunto solo da chi sa nuotare bene ed è disposto a immergersi per diversi minuti. I “coraggiosi” che decidono di tuffarsi possono godere, oltre che del bellissimo fondale delle Canarie, anche delle statue di Taylor: le persone raffigurate in momenti differenti della vita quotidiana, chi scatta una foto, chi legge un libro o chi invece è impegnato con il telefono cellulare.

Le opere di Taylor sono in realtà veri e propri progetti nati per la difesa di mari e oceani, con i fondali che si trasformano in musei e le sculture che ridisegnano il paesaggio, come dei relitti, creando nuovi spazi per la proliferazione di flora e fauna. Su fondali messicani, dopo la creazione del museo, i coralli sono cresciuti del 12% e, del 59%, crostacei, pesci, molluschi, alghe.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS