FAMIGLIA CONTRO NATURA

1127
  • English
  • Español
ALDO BUONAIUTO

Contro natura, cioè innaturale. Per affrontare il complesso tema sulle unioni civili, ma non solo quello, bisogna necessariamente partire da questo concetto. Non si tratta di discriminare, ma di definire antropologicamente – senza influenze – cosa sia la famiglia naturale.

Un conto è disciplinare e regolamentare legittimamente i diritti dei conviventi, altro è stabilire che una coppia di coabitanti venga definita per legge “famiglia”. In un Paese civile può essere ovvio che ci debba essere una norma che disciplini i rapporti tra persone, per quanto riguarda i diritti e doveri dell’uno nei confronti dell’altro e, allargando il concetto, i doveri dello Stato verso di loro.

Ma l’ideologia è entrata in questa problematica attuale e molto complessa, non tenendo conto della nostra cultura, sia in senso civile che religioso. Ciò determina prese di posizione che non sono accettabili.

Una cosa è parlare delle unioni che lo Stato riconosce e ne regolamenta i diritti, altro è intendere l’istituto del matrimonio. Bisogna tenere conto del valore che la Costituzione dà al matrimonio fondato sulla famiglia senza sottovalutare quei principi cristiani che ne fanno un sacramento. Legittimare l’unione tra persone dello stesso sesso non implica il diritto alla genitorialità, comunque essa si concretizzi. Quest’ultima è legata, nella nostra civiltà, al concetto di famiglia, e cioè al fatto che si concepisca un figlio nell’amore e che lo si allevi trasferendogli non solo i geni, ma anche la consapevolezza della diversità che esiste tra l’essere uomo e l’essere donna. Figure entrambi insostituibili affinché si completi un’identità a tutto tondo della persona in fieri, in divenire.

D’altra parte, andando indietro con la memoria, tornano alla mente le battaglie fatte da una certa corrente progressista nel criticare aspramente quei famosi Collegi di una volta, dove persone dello stesso sesso erano costrette a crescere; veniva stigmatizzata l’assenza delle due figure, maschile e femminile, fondamentali – si diceva – per il giusto equilibrio nello sviluppo di una persona. Quanti guasti e quanti danni sono stati imputati a quel modello, lo stesso che ora si vorrebbe riproporre addirittura all’interno del nucleo fondante della società obbligando un bambino a vivere relazionandosi con persone di un solo sesso.

C’è già una crisi profonda della famiglia, per tanti motivi socio-culturali. che sta producendo una generazione di giovani disorientati, fragili, frustrati, privi dei necessari punti di riferimento, incapaci di coltivare un autentico senso della responsabilità personale. Non aggiungiamo alla generazione attuale un onere e un peso dalle conseguenze non prevedibili.

Molti mali del nostro tempo derivano dall’introduzione di nuove norme che avrebbero dovuto esprimere un’idea di progresso e di conquista, mentre in realtà hanno distrutto un tessuto valoriale imprescindibile per una sana società. Unioni civili, stepchild, utero in affitto; come se ormai, vista la crisi economica e di valori, si potesse noleggiare qualunque cosa. Le trasformazioni di certi comportamenti sono avvenute in tempi cosi rapidi che solo successivamente ci si è resi conto del fatto che le innovazioni si trascinavano dietro esiti negativi od offrivano il destro a problematiche complesse.

Il senso religioso della vita e la forza che Dio ha dato alla famiglia, piccola chiesa domestica, si è completamente perduto. L’uomo ha voltato le spalle al Creatore, ne ha dimenticato i precetti e gli insegnamenti scegliendo l’autosufficienza e l’autoreferenzialità. Tutto ciò sembrava rendere più facile e gradevole la quotidianità, che invece risulta sciupata e impoverita senza la prospettiva di un impegno per una meta duratura.

La Chiesa cattolica non giudica né condanna, anzi accoglie senza riserve ogni persona; è però anche testimone e garante di principi evangelici insostituibili e immutabili. Il modello è inequivocabile, dai primi insegnamenti biblici “maschio e femmina Dio li creò” fino alla Santa Famiglia di Nazareth.

Stiamo offrendo ai giovani una società eticamente sempre più povera e sottomessa alle regole del profitto, che soggiace agli egoismi e propone cambiamenti. Ma quest’ultimi sono in realtà mistificazioni, non conquiste di civiltà.

Il demonio ha sempre operato per eliminare l’armonia, l’equilibrio e la funzione della famiglia; il tentativo di sopprimerla mai come oggi sembra una minaccia realizzabile. Distruggere la famiglia, demolire la società: la fine del mondo.

Questo è il momento di lottare e pregare, perché ci troveremo ad affrontare situazioni di una complessità che al momento non possiamo conoscere… ma forse immaginare; d’altronde stepchild, per esempio, nel suo stesso nome prefigura il futuro: step, infatti, vuol dire scalino. Il primo lo abbiamo davanti, e saranno in molti ad inciampare… Gli altri, dove ci porteranno?

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

6 COMMENTS

  1. Mi permetto una specifica.
    Lo Stato già regolamenta – sia anagraficamente, che in tutte le altre circostanze, tipo visite in ospedale e in carcere – le convivenze di fatto.
    Lo Stato deve riconoscere ai singoli individui gli stessi diritti e doveri che hanno gli individui in situazioni uguali (non si dà diritto di guidare ai ciechi, non si pagano le tasse tutti allo stesso modo). Per i motivi che lei ha detto, la convivenze sono diverse dal matrimonio. Quindi non vanno regolamentate come il matrimonio: non vanno dati diritti (senza doveri, peraltro) alla “coppia”, ma ai singoli.
    Se si danno diritti alla coppia, nel giro di un anno più o meno, la coppia avrà anche “diritto” ai figli. Non si scappa. E’ dimostrato da quello che è accaduto altrove.

  2. la ‘famiglia’ omo non è autosufficiente, ci vogliono tre soggetti di cui uno, il terzo, quello fuori dalla ‘famiglia’ è determinante perchè fornisce la materia prima, il seme o l’utero. Vorrei sapere dove son finite le anime belle che si battevano contro la c.d. donna oggetto , dinanzi alla donna utensile (che affitta i suoi organi e poi vende il figlio in grembo) invece tacciono? in nome del politically correct?

  3. Se questo ddl entrasse nella nostra Costituzione, ogni “famiglia” avrebbe il diritto al riconoscimento: quante “famiglie” composte da più genitori “pieni di allegria” anche di sei componenti, vengono mostrate dai nostri maggiori quotidiani che fanno tendenza. “Amore è amore”, ma il vero “Amore” è quello del “dono”, non quello della “pretesa”. Gianfranco Antinori

  4. Caos completo: Scuola, famiglia, lavoro, civiltà.
    A Dio piace l’ordine, la comunione, il benessere, la pace, e se tutto questo non c’è, è il caos. Chi può volere il caos se non il demonio? Tutto ciò che è disordine, divisione, impoverimento e quindi malessere, agitazione e disorientamento, e’ caos, quindi male, e pertanto satana. Tutto ciò che, invece è ordine, comunione, benessere materiale e spirituale, pace, è Amore, quindi bene, e pertanto Dio. A quale categoria abbiamo deciso di appartenere oggi? Perché dopo, nell’ultimo giorno, dipenderà da noi, solo dalle nostre decisioni di oggi! Sia bene inteso che oggi è la nostra vita mortale durante la quale abbiamo la possibilità di cambiare; dopo, non ci sarà più tempo! Non voglio convincere nessuno… ciascuno è libero delle proprie azioni! SHALOM, Maria Rosaria.

  5. Dov’è Papa Francesco?

    Dov’è il Papa? Cosa dice il Papa? Non ha nulla da dire ai media che lo strumentalizzano, come se lui fosse il Papa che accoglie i Gay in Chiesa? Ma chi ha mai scacciato i Gay dalle chiese? Altra cosa è legittimare la famiglia Gay. Cosa che questo Papa no ha mai fatto e la nostra Chiesa mai potrà fare. Ma quando lo dirà Urbi et Orbi a chiara voce e annunciando la scomunica per i parlamentari cattolici che voteranno il DDl Cirinnà?
    Noi intanto preghiamo. Vi abbraccio.

LEAVE A REPLY