FMI, LAGARDE: “E’ NECESSARIA UNA RETE DI SICUREZZA FINANZIARIA PIU’ FORTE” Per la numero uno del Fondo monetario internazionale si deve trovare il modo di aumentare le "risorse da mettere in campo nel momento del bisogno"

318

“Una rete di sicurezza finanziaria globale più forte, e una struttura per flussi di capitale più sicuri”. E’ quanto auspicato da Christine Lagarde, direttrice del Fondo monetario internazionale, nel suo discorso al convegno per l’addio di Christian Noyer alla Banca di Francia. “A meno che i Paesi non siano tentati di accumulare ancora più riserve per l’auto-assicurazione, dobbiamo trovare modi di aumentare le risorse che possano essere messe in campo nel momento del bisogno. All’Fmi stiamo analizzando questi temi da varie angolazioni. Che includono la velocità e la durata dei nostri strumenti, i costi associati e lo stigma, e naturalmente gli aspetti collegati al rischio morale. Questi temi saranno parte di una agenda più ampia per la rete di sicurezza globale che esamineremo nei prossimi mesi”, ha spiegato Lagarde. Per poi aggiungere, in un passaggio successivo, che “uno spostamento globale verso flussi di capitale più a lungo termine e a base azionaria allevierebbe le preoccupazioni relative ai capovolgimenti, e ridurrebbe il bisogno di assicurazione. Ridurrebbe inoltre la dimensione delle riserve finanziarie che le nazioni emergenti e in via di sviluppo devono mantenere”

“Nell’area dell’euro e in Giappone, la crescita debole e la bassa inflazione sono un invito a proseguire con una politica monetaria accomodante”, ha proseguito la numero uno del Fondo monetario internazionale, spiegando che dal suo punto di vista “negli Stati Uniti, l’attività più forte ha gettato le basi per la normalizzazione monetaria da parte della Federal Reserve”. Il primo aumento “è andato liscio”, perché “chiaramente comunicato”. Lagarde ritiene che “la questione chiave per il futuro ritmo della normalizzazione” dei tassi Usa, che “deve essere graduale” come sostiene la Fed.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS