RECORD DI UN BRITANNICO: ATTRAVERSA IL PACIFICO A REMI Autore dell'impresa John Beeden, in 209 giorni di fatiche. E' il primo uomo a esserci riuscito

397

E’ la prima persona al mondo riuscita ad attraversare a remi il Pacifico, da San Francisco all’Australia, senza alcuna sosta: l’uomo, il britannico John Beeden, ha remato per 7.400 miglia nautiche per 209 giorni. Partito dalla città californiana, il primo giugno, è arrivato stamane a Cairns, nel Queensland. Sul molo del porto australiano, nella bella mattina di domenica, c’erano ad attenderlo la moglie canadese Cheryl e le due figlie adolescenti.

Cinquantatreenne, nel 2011 aveva attraversato l’Atlantico a remi dalle isole Canarie a Barbados, in 53 giorni, a bordo del suo Happy Socks, imbarcazione a remi di color rosso, lunga sei metri e con strumenti di comunicazione alimentati con pannelli solari. Entusiasta e ancora incredulo per l’impresa al termine del suo periplo durato sette mesi, il britannico ha detto di attendersi che la traversata sarebbe stata piu’ dura che quella dell’Atlantico, ma che non si aspettava una tale virulenza del Pacifico, che ha tentato “varie volte” di farlo fuori. Beeden ha remato fino a 15 ore al giorno; sperava di arrivare in Australia a metà novembre, ma le avverse condizioni climatiche hanno ritardato il suo approdo di oltre un mese.

Nel 1982, un altro britannico, Peter Bird, tentò la stessa impresa di Beeden, ma dopo 294 giorni di traversata tra i flutti e i marosi del Pacifico fu recuperato alla deriva al largo della costa occidentale australiana, non lontano dalla Grande Barriera Corallina, da una nave australiana. Bird è scomparso nel 1996, quando tentava di attraversare il Pacifico dalla Russia fino alla costa statunitense.

 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY