BASKET, IN ARRIVO IL CAMPIONATO EUROPEO PER CLUB Una nuova struttura che nasce dall’accordo stipulato tra Euroleague e il colosso Img

363

Il basket europeo cambia volto: dal prossimo anno l’Eurolega muta completamente il suo format e si trasforma in un vero e proprio campionato continentale per i club con sedici squadre. Una nuova struttura che nasce dall’accordo stipulato tra Euroleague e il colosso Img a Barcellona, durante un incontro con le squadre in possesso di Licenza A. Un contratto che avrà durata decennale, con IMG che investirà 872 milioni di euro, una cifra record che verrà poi ripartita tra tutti i club partecipanti, nella copertura dei costi di promozione, nel miglioramento del prodotto televisivo e nel rafforzamento di quello digitale. Nell’eventualità che non venga spesa l’intera cifra, i soldi risparmiati potrebbero essere ancora utilizzati dalle varie squadre.

La nuova Eurolega sarà composta da sedici squadre che si affronteranno in una prima fase di 30 giornate. Le prime otto in classifica andranno ai playoff, con le quattro vincenti che poi parteciperanno alla consueta Final Four. I posti disponibili per il campionato del 2016/2017 sono così suddivisi: 11 per i club in possesso di Licenza A (Milano, Maccabi Tel-Aviv, Olympiakos, Panathinaikos, Real Madrid, Zalgiris Kaunas, Anadolu Efes, Fenerbahce, Barcelona, CSKA Mosca e Baskonia), con l’eventuale possibilità di allargare il numero in futuro; 3 per le vincenti dei campionati nazionali (ancora da definire); 1 per la vincente dell’Eurocup, 1 per la squadra che vince il girone di qualificazione a otto squadre.

Anche l’Eurocup cambia la sua struttura, aumentando a 24 il numero delle squadre partecipanti, 21 delle quali provenienti dai vari campionati nazionali. Si disputerà una fase a gironi da dieci giornate, poi quarti e semifinali con sfide di andata e ritorno e poi finale in gara unica.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS