Serie A: Juve a valanga, Roma e Milan restano in scia. Vincono anche Inter e Napoli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:08

Primo turno del 2017 favorevole a tutte le big di Serie A. Vincono Roma, Atalanta e Inter in trasferta, Juve, Lazio e Milan in casa. Pareggio senza reti tra Sassuolo e Torino nei match dell’ultimo turno d’andata. Grazie alla doppietta di Higuain (7′ e 55′) e al rigore di Dybala al 41′, la Juventus batte il Bologna 3-0 allo Stadium e torna a +4 dalla Roma, con una partita da recuperare.

La Roma, da parte sua, rimane la diretta concorrente della Juventus. I capitolini espugnano il Ferraris battendo il Genoa di misura. Una sfortunata autorete di Izzo spiana la strada alla squadra di Spalletti poco dopo che Perin era stato costretto ad uscire per un infortunio (al suo posto Lamanna). Poi un palo ferma Dzeko, ma arrivano i tre punti che la Roma voleva.

La Lazio riesce solo in extremis a perforare la difesa del Crotone con Ciro Immobile ed a conquistare tre punti d’oro che la collocano al quarto posto della classifica. Un match difficile per la squadra di Inzaghi, che nel primo tempo aveva fallito anche un calcio di rigore (Biglia ha calciato sulla traversa).

Resta in corsa per la Champions il Milan, che a San Siro supera per 1-0 il Cagliari grazie alla rete realizzata nel finale da Bacca, che ha interrotto un lungo digiuno. L’Atalanta si conferma superstar di questa prima parte di torneo e vince l’ultima di andata sul campo del Chievo chiudendo al giro di boa con 35 punti ed in piena zona Europa League. Gara chiusa già alla fine del primo tempo per la squadra di Gasperini in gol tre volte con Gomez (doppietta) e Conti. Nella ripresa, Pellissier prova a riaprirla, ma ci pensa Freuler a chiudere definitivamente sull’1-4.

Quarta vittoria di fila per l’Inter, che alla Dacia Arena va sotto dopo pochi minuti, colpita da Jankto, ma ribalta tutto con una doppietta di Perisic: 2-1 sull’Udinese. Finisce senza reti il match tra Sassuolo e Torino, con la buona notizia del rientro di Berardi al 27′ della ripresa dopo quattro mesi di assenza.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.