L'Inter si prende il derby: Brozo-Lukaku stendono il Milan

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:50

L'Inter non si ferma, fa suo il derby e continua a volare a punteggio pieno in testa alla classifica dopo quattro giornate. I nerazzurri fanno la partita, giocano decisamente meglio dei rossoneri, sfiancano l'avversario nel primo tempo, lo lavorano ai fianchi e lo colpiscono a morte nella ripresa. A San Siro finisce 2-0 per effetto dei gol di Brozovic e Lukaku. E anche stasera Conte guarda tutti dall'alto a punteggio pieno. Emozioni, spettacolo a San Siro. Conte e Giampaolo non scherzano e per loro è il derby nel derby. Entrambi agitati in panchina, con il rossonero quasi sempre fuori dall'area tecnica a impartire ordini ai suoi e a seguirli passo passo nello sviluppo dell'azione. Conte si affida al solito 3-5-2 con Handanovic tra i pali, Godin, De Vrij, Skriniar dietro, D'Ambrosio a destra, Asamoah a sinistra, in mezzo Barella, preferito a Vecino, Brozovic e Sensi centrali, Lukaku e Lautaro, preferito a Politano, in prima linea. Nel Milan la grande sorpresa si chiama Leao accanto a Piatek: 4-3-1-2 per Giampaolo, con Donnarumma tra i pali, Conti, Musacchio, Romagnoli e Rodriguez sulla linea di difesa, Kessie, Biglia e Calhanoglu intermedi, Suso trequartista alle spalle delle due punte.

Equilibrio

Emozioni e spettacolo, perché Milan e Inter non se le mandano a dire. Leao è ispirato e prova con percussioni velocissime a mandare in affanno la retroguardia nerazzurra: D'Ambrosio c'è, Asamoah dalla parte opposta è un fulmine di guerra. Parte meglio la formazione di Conte, pressing alto, Milan che attende pronto a ripartire con Donnarumma subito chiamato in causa. Equilibrio totale in campo, nessuno si risparmia ma le occasioni latitano. Meglio le difese sui rispettivi attacchi. Partita a tratti bloccata senza vie di fuga, serve un guizzo. Lo prova Lautaro, ben servito da Sensi, Donnarumma si immola, palla sui piedi di D'Ambrosio che calcia a botta sicura, ma il palo salva il Milan. Senza soluzione di continuità, strappi da una parte e dall'altra, Calhanoglu va in gol ma Doveri non convalida per un precedente mani di Kessie. Ci prova l'Inter, bravo D'Ambrosio in rovesciata, Donnarumma si esalta, il terzino è lì e la mette dentro: 1-0 Inter anzi, no, perché Doveri fa ricorso al Var che conferma la posizione di offside. Tutto da rifare. Suso è ispirato, sembra un tarantolato: ruba palla a un distratto Sensi, si fa sessanta metri palla al piede, vince un rimpallo e colpisce a botta sicura. Salva tutto alla disperata Asamoah. Ancora Milan al tramonto della prima frazione. Grande spinta di Leao a sinistra, palla in mezzo per la testa di Piatek che però sbaglia l'impatto. Si salva l'Inter. Finisce qui il primo tempo, estremamente equilibrato. Meglio la qualità dell'Inter, Donnarumma straordinario. Godin è di altra scuola, in mezzo i tre tenori nerazzurri si fanno preferire per dinamismo. Il Milan si è affidato per lo più alle giocate dei singoli, due spunti interessanti, ma senza produrre effetti. 

Uno-due micidiale

Subito Inter in avvio, Milan che si fa schiacciare. Il vantaggio nasce da palla inattiva, Sensi la mette in mezzo, su tutti sbuca Brozovic che la mette dentro. Dovere tentenna, aspetta il Var, va a rivedere l'azione mentre Conte protesta. Alla fine convalida, Inter avanti. La Nord soffia alle spalle dei nerazzurri, Milan frastornato, incapace di uscire. Nerazzurri tonici a caccia del raddoppio con Donnarumma ancora una volta bravo a salvare su Lautaro. Fuori Calhanoglu, dentro Paquetà nel Milan. Inter a fare la partita col Milan che prova a scuotersi, ma l'Inter entra come una lama nella burrosa retroguardia rossonera. Barella e Sensi recuperano palloni in quantità industriali, il Milan fatica, prova a spingere ma non ci sono varchi. Conte richiama Sensi per inserire Vecino, mentre Giampaolo richiama Calhanoglu, dentro Theo Hernandez con Vecino che va prendere Paquetà. La Sud capisce il disagio rossonero e con la voce prova a spingere il Milan. Dentro Politano, fuori Lautaro che ha speso molto. L'Inter è in totale controllo della gara, Barella ha un guizzo fantastico, ma il tocco sotto misura di Lukaku è da campione puro: 2-0 Inter, nulla da fare per Donnarumma. Dentro Candreva, fuori Barella, mentre Giampaolo richiama Leao, dentro Rebic. Inerzia della partita tutta nei piedi dei nerazzurri quando i minuti scorrono implacabili. Cinque di recupero, l'Inter controlla, il Milan spinge con la forza della disperazione. Non basta e non serve perché è l'Inter ad andare vicina al terzo gol con Candreva che centra il palo. Vince l'Inter, meritatamete.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.