Spiritualità

San Beda il venerabile, sacerdote benedettino e dottore della Chiesa

San Beda il venerabile, sacerdote benedettino e dottore della Chiesa, Northumbria (Inghilterra), 672-673- Jarrow (Inghilterra), 25/05/735. Rimasto orfano, a 7 anni viene affidato dai parenti ai monaci benedettini di Wearmouth.

Avvenimenti

Entra nel monastero benedettino di Jarrow, fondato da san Benedetto Biscop, e vi rimane tutta la vita: «In questo monastero ho passato tutta la mia vi consacrandomi interamente alla meditazione delle Scritture e, tra l’osservanza della disciplina regolare e la cura quotidiana di cantare l’Ufficio in chiesa, ebbi carissimo lo studio, l’insegnare e lo scrivere».

• Si propone di raccogliere da quanti l’hanno preceduto, le conoscenze umane, spirituali e religiose che possono servire a coloro che deve istruire con la parola o con gli scritti.

É ordinato sacerdote all’età di 30 anni.

• Sempre fedele alle Sacre Scritture e alla tradizione dei Padri della Chiesa, scrive rilevanti opere teologiche e inni alla Madonna.

• Una delle opere più importanti è la Storia ecclesiastica del popolo inglese, che gli ha comportato il titolo di “Padre della storia inglese“. E’ autore del primo martirologio con note storiche. Tanta la sua santità che anche da vivo è definito “venerabile”.

• Accusato ingiustamente di eresia, si difende con tale equilibrio e con argomentazioni valide da essere ancora più apprezzato e stimato.

• I suoi scritti spirituali sono talmente autorevoli da essere letti nelle cerimonie sacre mentre è ancora in vita.

• Da taluni storici è considerato il più grande erudito del Medioevo.

• Dante lo nomina nella sua Divina Commedia.

• Gli ultimi giorni di vita, dal letto, detta a un amanuense i testi del Vangelo di Giovanni in lingua inglese e gli scritti di Isidoro di Siviglia.

Morte

Invita i confratelli che circondano il suo giaciglio a pregare per lui. Sentendo vicina la fine, si inginocchia sul pavimento, intona il Gloria e col sorriso muore mormorando «Tutto è compiuto». Le sue reliquie, trasferite a Durham, vengono profanate sotto il regno di Enrico VIII. Nel 1899 Leone XIII lo proclama dottore della Chiesa.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Luigi Luzi

Recent Posts

Usa, video mostra un afroamericano ucciso dalla polizia in Ohio

L'uccisione da parte della polizia di un afroamericano, raggiunto da 60 colpi di arma da…

5 ore ago

Santa Berta di Blangy: ecco come ha vissuto

Santa Berta di Blangy, Badessa benedettina, Francia, 640 ca.- Blangy (Francia), 725 Figlia del conte…

5 ore ago

Pollo al limone alla griglia: scopri come prepararlo

Lo sfrigolio della carne sulla griglia, l'aroma del limone e delle spezie che si spande…

5 ore ago

“La tua fede ti ha salvata”. Il commento di mons. Angelo Spina

Dal Vangelo secondo Matteo Mt 9,18-26 https://www.youtube.com/watch?v=-UXt2WWcXuM In quel tempo, [mentre Gesù parlava,] giunse uno…

5 ore ago

Gli anziani: risorsa preziosa e strategica

I dati che Istat ha pubblicato alcuni giorni fa sui centenari in Italia sono una…

5 ore ago

Roberta Bruzzone: “I tre segnali che indicano che siamo dipendenti da Internet”

Roberta Bruzzone, la profiler, psicologa forense e criminologa più famosa d’Italia torna in libreria con:…

5 ore ago