Senzatetto dona tutti i suoi soldi per aiutare una ragazza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Chi non ha niente può rivelarsi d'aiuto nei confronti di chi ha tanto. Lo testimonia quanto avvenuto a Philadelphia, negli Stati Uniti. Kate McClure, una ragazza di 27 anni, è rimasta in autostrada con l'automobile a picco di benzina e senza un centesimo in tasca per poter rifornire il serbatoio. Tutto ciò, in piena notte.

Come un angelo, le è però apparso davanti un senzatetto, ex marine caduto in disgrazia, che le ha regalato 20 dollari, tutto il denaro che aveva con sè, senza chiederle nulla in cambio. “Quando la mia macchina si è fermata, poco prima di mezzanotte, non sapevo cosa fare” ha raccontato Kate. “Il cuore mi batteva all'impazzata”. Con le mani tremanti, la giovane ha chiamato il suo fidanzato, chiedendogli di raggiungerla. Proprio in quel momento è intervenuto il senzatetto, Johnny Bobbitt Jr., per darle i soldi necessari per fare benzina.

Ma non solo. L'ex marine si è anche offerto di andare a comprare il carburante al distributore più vicino, consigliando alla ragazza di chiudersi in macchina. Tornato con la tanica di benzina, si è prodigato per rifornire l'auto e farla ripartire. L'uomo non ha voluto nulla in cambio, ha salutato e si è congedato dopo che l'auto è ripartita.

Un paio di giorni dopo, allora, la 27enne e il fidanzato sono tornati nel medesimo punto dell'interstatale 95, per portare vestiti, cibo e contanti al benefattore. Tra la coppia e il ragazzo, poco più grande di loro, si è dunque instaurato un rapporto di amicizia.

I due fidanzati hanno così deciso di attuare una campagna di raccolta fondi per aiutarlo tramite la piattaforma GoFundMe. Ebbene, in pochi giorni hanno ottenuto 114 mila dollari, che serviranno per garantire a Johnny Bobbitt Jr. una casa, un vestito e un mezzo di trasporto. La vicenda dimostra che fare il bene suscita un circolo virtuoso.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.